Il vertice di maggioranza sul Mes a Palazzo Chigi? E’ stata una riunione interessante e il ministro dell’Economia Gualtieri ha chiarito utilmente alcuni punti. Restano però le divergenze di fondo. I 5 Stelle sembrano essere sulla nostra stessa posizione. Ovviamente Pd e Italia Viva hanno un’opinione diversa dalla nostra“. Così, ai microfoni di Radio Radicale, il deputato di LeU, Stefano Fassina, in una intervista rilasciata al giornalista Lanfranco Palazzolo, commenta l’incontro avvenuto a Palazzo Chigi tra la maggioranza di governo e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte per fare chiarezza sul sì dell’Italia alla revisione del Fondo salva-Stati.

Fassina conferma il nulla di fatto risultante dal summit interlocutorio, durato circa due ore e rinviato a una data non ancora concordata: “Noi di Leu continuiamo a ritenere che, per come è definito adesso il trattato, vengano incentivate molto seriamente le probabilità di ristrutturazione del debito, con tutte le conseguenze negative che questa comporterebbe. Non ci sono le condizioni per sottoscrivere quel trattato. Il punto importante è che da parte di tutti, in primis dal presidente del Consiglio, sia condivisa la necessità di guardare all’intero pacchetto – continua – Il pacchetto globale, infatti, oltre al Mes, contiene anche l’inaccettabile meccanismo di assicurazione sui depositi bancari, proposto dal ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz, e le risorse dell’Eurozona per interventi sull’economia reale e sugli investimenti. Quindi, è importante valutare la logica del pacchetto e, sulla base di quella valutazione, bisogna fare un’analisi specifica del Mes. L’attacco di Salvini? Dovrebbe ricordarsi che fino agli inizi di agosto è stato al governo con importanti responsabilità e con viceministri e sottosegretari della Lega al ministero dell’Economia. E dovrebbe anche ricordarsi che il testo che stiamo discutendo è stato chiuso alla fine di giugno. Quindi, la Lega, sebbene abbia sempre espresso una posizione di contrarietà in Parlamento, a fine giugno stava al governo“.

Il parlamentare poi spiega le ragioni per cui il trattato di revisione del Mes possa moltiplicare i rischi di default del debito pubblico: “Moody’s ha appena cambiato da stabile a negativo l’outlook delle banche tedesche a causa dei tassi di interesse negativi. Si tratta di un’anomalia storica, soprattutto per la durata che sta avendo. Quindi, c’è una pressione della Germania sulla Bce per invertire il segno della politica monetaria finora adottata. Questo pesa sui tassi d’interesse, sull’inflazione, sull’economia reale e fa aumentare il rapporto tra debito pubblico e Pil. E’ evidente che un trattato che preveda esplicitamente la ristrutturazione del debito diventa un meccanismo di scenari che si autoalimentano e si autoavverano. Tutto questo sconsiglia la sottoscrizione del trattato, perché non ci sono solo le norme del testo, ma c’è anche un contesto“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Di Maio: “L’intervento di Grillo significa che ora c’è bisogno del contributo di tutti. Vogliamo un governo che duri 3 anni”

next
Articolo Successivo

In Italia servono politiche impopolari. E politici votati all’autodistruzione

next