Nel 2006 aveva conquistato tutti per la sua bellezza. La showgirl Nora Amile è stata una delle protagoniste della prima edizione dello show cult “La pupa e il secchione”, condotto da Federica Panicucci e Enrico Papi su Italia Uno. Poi qualche ospitata in tv, impegni vari e il silenzio. Dopo tredici anni Nora ha rilasciato una recente intervista a “Novella 2000”, spiegando cosa è successo in questi anni e di come sia stato difficile per lei uscire dal personaggio della svampita.

“Ho un diploma da attrice e ho studiato con il metodo Stanislavskij – dice -. Parlo quattro lingue: italiano, inglese, spagnolo e arabo. E sono una donna abbastanza colta”. Poi la dichiarazione shock: “Nel 2011 ho sofferto di depressione, ho avuto una crisi d’identità e volevo suicidarmi… Tutti mi associavano solo ed esclusivamente alla ‘pupa’ e ho tentato il suicidio. Sono stata salvata da un mio caro amico. Quando sono venuti in soccorso mi hanno portato in una clinica psichiatrica, perché pensavano che avessi perso la testa totalmente e hanno iniziato a curarmi. Per fortuna, anche in quel caso ho reagito bene e ho dimostrato di non essere pazza, ma solo depressa“. Oggi Nora sta bene e pensa di riprendere in mano la sua vita, lontana dal clamore del palcoscenico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Susan Sarandon, brutta caduta per l’attrice premio Oscar: “Commozione cerebrale e naso fratturato”

next
Articolo Successivo

Vittorio Grigolo, il tenore replica alle accuse di molestie: “Ho solo schiacciato la pancia di spugna di una ballerina”

next