Matteo Salvini armato di pistola giocattolo spara a due migranti africani in versione zombie: è l’opera di Salvatore Scuotto che oggi viene esposta a Napoli nella mostra collettiva ‘Virginem=Partena‘ nella galleria Nabi Interior Design. “Ho voluto rappresentarlo come un bambinone che gioca ad un videogame popolato da fantasmi, come si vede dai dettagli della pistola che è intenzionalmente sproporzionata. Dico che il suo messaggio politico è infantile, come una costante Play station in cui bisogna individuare il nemico e abbatterlo”, ha spiegato l’autore intervistato da Il Mattino. A Salvini però la scultura non deve essere piaciuta: “Cosa non si fa per farsi un po’ di pubblicità, che squallore“, ha commentato.

Scuoto ha iniziato a creare l’opera quando il leader della Lega era ancora ministro dell’Interno. Una scultura che ha presentato da solo, anche se Scuotto fa parte del gruppo della Scarabattola, una formazione controcorrente di maestri presepiali. Attaccato alla pistola impugnata da Salvini c’è un messaggio, ‘Game over‘. “Identifica la conclusione del videogioco. Chissà cosa indica: la fine di Salvini o quella dei suoi nemici?”, aggiunge nel corso dell’intervista al quotidiano napoletano. Poi Scuotto precisa anche di non aver creato “questa parodia salviniana perché sono comunista“. “Al massimo aspirerei ad essere anarchico, non credo alla sinistra, troppo tiepida – sottolinea – Non voglio esprimere alcuna appartenenza ma so in cosa non credo”.

“La ‘scultura’ che mi raffigura mentre sparo agli immigrati è una vera schifezza, è istigazione all’odio e alla violenza, altro che arte. Non vedo l’ora di tornare a Napoli per ammirare i fantastici Presepi tradizionali, non queste porcherie”, ha aggiunto Salvini, commentando la notizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, Salvini rilancia la campagna acquisti: “Di Maio e Grillo hanno svenduto il cambiamento. La Lega è aperta ai loro elettori e ai loro eletti”

next
Articolo Successivo

De Luca a Salvini: “Con che faccia vieni in Campania? Dici fesserie e parli a capocchia. Confrontiamoci dove vuoi tu, anche al Papeete”

next