Nel monologo introduttivo della sesta puntata di “Accordi&Disaccordi”, il talk show politico condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi con la partecipazione fissa di Marco Travaglio, in onda su Nove tutti i venerdì alle 22.45, il giornalista toscano commenta il movimento delle sardine che, partendo da piazza Maggiore a Bologna sta rapidamente prendendo piede in tutta Italia. “Voi direte: ‘Non c’è nulla da salvare in questo scenario politico?’. – si chiede Scanzi – Secondo me qualcosa da salvare c’è e sono le sardine. Le sardine a me piacciono, non soltanto a tavola, ma mi piacciono quando vanno in piazza, mi sono piaciute stasera a Palermo, a Modena, mi sono piaciute a Bologna, mi sono piaciute a Sorrento perché sono una sorta di sentinella dell’indignazione. Sono belle: ragazze, ragazzi, meno giovani, più giovani, non hanno bisogno di consigli, però io qualcuno timidamente glielo do: dico loro di non farsi fregare dai politici, dai partiti, di rimanere liberi, di non andare in televisione, non andate a farvi strumentalizzare da Formigli, dalla Merlino, da Sommi, da Scanzi, da Travaglio, state liberi, sapete perché? Gaber diceva: ‘Ci sono dei momenti storici in cui è come se ci fosse un grido in cerca di una bocca‘. Ecco, voi siete quella bocca che ha raccolto quel grido, ma per rimanere bocca, così libera e vera, dovete rimanere indipendenti, dovete rimanere arrabbiati, dovete rimanere sinceri e possibilmente dovete rimanere anche un po’ incazzati“.

“Accordi&Disaccordi” è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9. Segui @aedtalkshow su Facebook, Twitter e Instagram.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Landini su ex Ilva: “Favorevole a intervento pubblico, ma si riparta da accordo di un anno fa”

prev
Articolo Successivo

Loft Masterclass, la lezione di Virginia Stagni: “Come il mondo del giornalismo sta cambiando grazie alle nuove tecnologie”

next