Centinaia di manifestanti, mercoledì 20 novembre, si sono ritrovati davanti all’ufficio del primo ministro maltese, Joseph Muscat, per chiederne le dimissioni. La protesta è scoppiata nel giorno dell’arresto del presunto mandante dell’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, uccisa nel 2017. I manifestanti hanno urlato “Giustizia” e invocato il passo indietro del primo ministro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libano, Hong Kong ma anche l’Ilva di Taranto: la gente protesta perché è stanca della precarietà

next
Articolo Successivo

In Iran la repressione passa anche dal blocco di Internet

next