La nazionale spagnola di calcio è nel caos. Ha segnato 5 gol alla Romania, è certa di essere testa di serie al prossimo Europeo, ma la decisione della Federcalcio iberica di sostituire l’attuale ct, Roberto Moreno, e di far tornare Luis Enrique, che si era dimesso per assistere la figlia malata e poi deceduta, ha scatenato polemiche. Moreno, che era il vice dell’ex allenatore della Roma, ha condotto brillantemente la Roja alla qualificazione e ormai si pensava venisse confermato per il torneo del prossimo anno.

Ma il presidente federale Luis Rubiales ha sempre considerato la carica di Moreno ad interim e da settimane stava preparando il ritorno di Luis Enrique. Ma il numero uno della Federcalcio non si aspettava che il piano venisse scoperto prima del match con la Romania, come invece è accaduto. Moreno non ha apprezzato il modo con cui gli è stato comunicata la decisione, così come i giocatori, che parlano di trattamento vergognoso. Dopo la partita, a conferma del clima teso, commissario tecnico e squadra non si sono presentati ai microfoni per le consuete interviste. Secondo quotidiano sportivo Marca, il tecnico avrebbe salutato in lacrime i giocatori negli spogliatoi.

“Non abbiamo presentato un selezionatore a tempo. Abbiamo presentato Moreno per il campionato europeo, a meno che Luis Enrique non volesse tornare. Abbiamo sempre agito con rigore, trasparenza e coerenza. Non abbiamo cambiato il nostro messaggio”, ha spiegato Rubiales in conferenza stampa, annunciando il ritorno di Luis Enrique. “Le questioni tra Luis Enrique e Robert Moreno sono cose che non possiamo valutare – ha aggiunto – Siamo molto contenti del lavoro di Robert e lo ringraziamo, ma il leader del progetto è Luis Enrique”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Euro 2020, l’Italia travolge l’Armenia per 9 a 1. Azzurri inarrestabili: conquistano l’11 vittoria di fila e segnano un nuovo record

next
Articolo Successivo

Pordenone, inveisce contro giocatori di 11 anni e dà del “terrone” all’arbitro: Daspo di un anno ad allenatore di una squadra giovanile

next