“La strada su cui stiamo puntando come governo è far desistere Arcelor Mittal dall’abbandonare Taranto per via giudiziaria. Perché se la multinazionale se ne va un anno dopo gli accordi fatti, questo noi non lo possiamo permettere. Lo Stato si deve far rispettare. Tutte le altre scelte deriveranno poi dal fatto che la multinazionale indiana si deve sedere di nuovo al tavolo. Noi speriamo ci possa essere un tavolo a Palazzo Chigi”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, parlando del caso dell’ex Ilva ad Acerra

“Qui stiamo parlando di una multinazionale che se ne va. Noi speriamo ci possa essere un incontro a Palazzo Chigi”, ha aggiunto il capo politico del M5s. Quanto all’ ipotesi di un ingresso di Cdp nell’azienda con l’intervento dello Stato Di Maio ha glissato: “Vedremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Maltempo, Di Maio: “Non solo Venezia. Nelle prossime ore stati d’emergenza richiesti da regioni e comuni”

next
Articolo Successivo

Pd, Orlando: “M5s? Faccia sul serio o lasci perdere”. Orfini: “Errore insistere, umiliante quando ti hanno già detto no”

next