Le stava insegnando a nuotare in una piscina pubblica di Perth, Australia, quando il 29enne Jonathan Massandy “non è più tornato”. Queste le uniche parole che la figlia, una bambina di 6 anni ancora sotto choc, ha detto alla madre, Sarah Prijt, 26 anni. E’ stata proprio la piccola Bobbie a chiamare i soccorsi dicendo ai bagnini della piscina di non vedere più il padre: all’arrivo del personale medico, l’uomo è stato portato in ospedale ma è morto dopo tre giorni senza mai riprendere conoscenza. Stando a quanto riportato dal Daily Mail Australia, i medici hanno affermato che l’uomo si è rotto l’osso del collo, probabilmente nel tuffarsi. “Tutto quello che sono riuscita a far uscire dalla bocca di mia figlia al momento è che stavano giocando”, ha spiegato la mamma ai media australiani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Addobbano il giardino con decorazioni natalizie i primi di novembre ma l’associazione dei vicini di casa si oppone: “Troppo presto, toglietele”

prev
Articolo Successivo

La gattina nata con due facce salvata da un veterinario: ogni giorno una sfida, ma sta facendo progressi

next