Le stava insegnando a nuotare in una piscina pubblica di Perth, Australia, quando il 29enne Jonathan Massandy “non è più tornato”. Queste le uniche parole che la figlia, una bambina di 6 anni ancora sotto choc, ha detto alla madre, Sarah Prijt, 26 anni. E’ stata proprio la piccola Bobbie a chiamare i soccorsi dicendo ai bagnini della piscina di non vedere più il padre: all’arrivo del personale medico, l’uomo è stato portato in ospedale ma è morto dopo tre giorni senza mai riprendere conoscenza. Stando a quanto riportato dal Daily Mail Australia, i medici hanno affermato che l’uomo si è rotto l’osso del collo, probabilmente nel tuffarsi. “Tutto quello che sono riuscita a far uscire dalla bocca di mia figlia al momento è che stavano giocando”, ha spiegato la mamma ai media australiani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addobbano il giardino con decorazioni natalizie i primi di novembre ma l’associazione dei vicini di casa si oppone: “Troppo presto, toglietele”

next
Articolo Successivo

La gattina nata con due facce salvata da un veterinario: ogni giorno una sfida, ma sta facendo progressi

next