Facevano soldi con le bollette dell’acqua: secondo l’accusa, oltre un milione di euro. I finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno arrestato l’avvocato Francesco La Face e notificato un divieto di dimora nel comune di Taormina a Giovanni Coco, ex dirigente pubblico del servizio idrico, ora in pensione, accusati di peculato e corruzione. Nell’ambito della stessa inchiesta sono stati sequestrati beni immobili e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 800mila euro.

Stando alle ricostruzioni delle indagini, La Face e Coco erano stati incaricati dall’amministrazione comunale di riscuotere le somme dovute dagli utenti morosi: invece di versarle nelle casse del Comune, però, se le intascavano. La conoscenza dell’accordo criminale tra i due emergerebbe dalle intercettazioni perché nessun dipendente comunale ha denunciato la vicenda. Durante le perquisizioni nell’abitazione dell’ex dirigente è stato trovato e sequestrato un “pizzino” nel quale veniva concordata una giustificazione per la tangente ricevuta. Il legale, grazie alla complicità del responsabile dell’ufficio idrico, che inseriva nel sistema informatico comunale “AcqueWin” dati falsi, negoziava direttamente sul suo conto corrente personale gli assegni degli utenti morosi (comportamento definito dallo stesso gip “inquietante”), o si faceva pagare “in contanti” in cambio di uno sconto all’utente, per non lasciare traccia degli importi ricevuti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

G8 di Genova: Francia libera il black bloc Vincenzo Vecchi condannato a 11 anni e mezzo di carcere. Italia aveva chiesto estradizione

prev
Articolo Successivo

Cucchi, abbiamo vinto tutti. Ma per avere giustizia non deve servire la forza di una sorella

next