L’aveva promesso, l’ad della Ferrari Louis Camilleri, che questo sarebbe stato un anno pieno di novità. E infatti proprio oggi, dopo F8 Tributo, F8 Spyder, 812 Gts e SF90 Stradale, è arrivato l’ultimo tassello di un piano ben congegnato. L’ennesima Rossa inedita, che rossa in realtà non è visto che è stata mostrata in anteprima in una livrea grigia che ben si intona col cielo plumbeo della Capitale, dove è stata svelata. E di cui porta anche il nome: l’ultima nata di Maranello si chiama proprio “Roma”.

Il motivo, come si legge nella nota ufficiale, sta nella voglia di ispirarsi al lifestyle della Città Eterna anni ’50-’60, “perché rappresenta al meglio l’eleganza e la raffinatezza di quello straordinario periodo: questa è la vettura ideale per vivere al meglio la Nuova Dolce Vita“.

Aldilà delle suggestioni che una città del genere evoca, la volontà è stata più che altro quella di proporre un design italiano e distintivo, senza tempo. Arte nella quale il Centro Stile, diretto da Flavio Manzoni, ha sempre dimostrato di essere decisamente all’altezza. A maggior ragione in questo caso, interpretando un modello importante che va a piazzarsi, insieme alla parente stretta Portofino, sulla porta d’ingresso al mondo Ferrari, con un listino che “partirà da poco sopra i 200 mila euro“, come hanno fatto sapere gli uomini di Maranello.

Tecnicamente, si tratta di un coupé che, come accennato, eredita la meccanica dalla coupé-cabriolet Portofino: 2 posti + 2, lunga 4.66 metri (passo 2,67 m), adotta lo schema con motore anteriore-centrale e trazione posteriore. E proprio il motore è una garanzia, visto che si tratta del 3.9 V8 turbo per 4 anni consecutivi vincitore de premio Engine of the Year, che per l’occasione è accreditato di 620 cavalli di potenza ed è abbinato allo stesso cambio doppia frizione a otto rapporti che debuttò sulla SF90 Stradale. Un propulsore che la fa scattare da 0 a100 orari in 3,4 secondi e la spinge a una velocità massima di 320 km/h. Abbastanza, per godersi una Dolce Vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kia Niro, un restyling che punta su design e connettività – FOTO

next
Articolo Successivo

Ford Mustang Mach-E, debutta a Los Angeles il suv elettrico sportivo – FOTO

next