Dopo la tregua nel giorno del voto per le elezioni del 10 novembre, da due giorni sono riprese le tensioni in Catalogna. Al confine tra Spagna e Francia, le proteste organizzate dagli indipendentisti di Tsunami Democratic si sono trasformate in scontri tra dimostranti e forze di polizia francese. Anche oggi un corteo ha tentato di bloccare l’autostrada che dalla Spagna entra in Francia e le forze dell’ordine transalpine hanno caricato i dimostranti che avevano oltrepassato la frontiera a La Junquera. Per frenarli, gli agenti hanno usato lacrimogeni e spray al peperoncino, causando alcuni feriti.

L’intervento della polizia è riuscito a disperdere parzialmente il gruppo di manifestanti, con oggetti di ogni tipo e spranghe usati per bloccare la strada che sono poi stati rimossi e una ventina di persone che, secondo la stampa locale, sono state fermate. Per evitare un nuovo agglomerato di manifestanti e un altro tentativo di blocco della via di comunicazione tra i due Paesi, l’area è ancora presidiata dalle forze dell’ordine. Le manifestazioni, secondo quanto riportato dai gruppi indipendentisti alla testa del corteo, continueranno però anche domani, a conclusione della tre giorni di proteste organizzate dopo le elezioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jimmy Carter ricoverato in ospedale. A 95 anni dovrà operarsi per ridurre un’emorragia alla testa provocata da una caduta

next
Articolo Successivo

Israele, razzo sull’autostrada sfiora le macchine: il momento dell’esplosione catturato dalle telecamere

next