A partire dal prossimo anno e fino al 2022 si compirà lo switch off del digitale terrestre attualmente in uso (Dvb-T1) e il passaggio al nuovo standard Dvb-T2. I consumatori quindi avranno due anni di tempo per adeguarsi, sostituendo i vecchi televisori (quelli comprati prima del 2017) con tv che siano compatibili oppure comprando un decoder che consenta la ricezione del segnale. Per questo motivo, già il governo Gentiloni aveva previsto incentivi da 151 milioni di euro che, come confermato al Tavolo TV 4.0 al ministero dello Sviluppo economico giovedì scorso, prenderanno il via il prossimo mese di dicembre. In merito, la sottosegretaria Mirella Liuzzi ha annunciato l’intenzione di “incrementare” lo stanziamento, “per allargare la platea dei cittadini ammessi ad usufruire del contributo”. Attualmente, infatti, a beneficiare dello sconto sarebbe solo chi appartiene alle fasce Isee I (10.632,94 euro) e II (21.265,87).

La sottosegretaria ha sottolineato inoltre come sia “fondamentale accompagnare la transizione del sistema radiotelevisivo al Dvb-T2 con opportune campagne e azioni informative coordinate dal ministero, per guidare i cittadini nel cambiamento tecnologico”. “A tal riguardo, abbiamo invitato gli operatori televisivi a presentare in tempi brevi una proposta per un piano di comunicazione condiviso e unitario”, ha annunciato. La transizione sarà simile a quella già vissuta pochi anni fa, con il passaggio dall’analogico al digitale conclusosi nel 2012. Anche allora vennero previsti degli incentivi per l’acquisto di nuovi televisori e dei decoder che consentivano la visione anche sui vecchi apparecchi.

La fase transitoria, così come il bonus, durerà due anni: fino a luglio 2022. Dal primo gennaio 2017, i commercianti hanno avuto l’obbligo di vendere solo televisori già compatibili con la nuova ricezione del segnale, mentre i produttori si sono dovuti adeguare da luglio 2016. Chi avrà un apparecchio più anziano, dovrà appunto adeguarsi: se avrà diritto al bonus, dovrà portare al negoziante un’autodichiarazione che certifichi il suo Isee e che non abbia già beneficiato dell’incentivo. A tal proposito, è previsto in Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni un decreto interministeriale Mise-Mef che definisca proprio i dettagli per l’erogazione dei contributi a favore dei cittadini per l’acquisto di smart Tv e decoder.

Del passaggio al nuovo segnale digitale si parla già da tempo. L’aggiornamento nasce infatti dalla necessità di liberare alcune frequenze mobili della banda 700 (compresa tra i 694 e i 790 MHz) per il servizio di telefonia mobile 5G: lo standard che permetterà, secondo le aspettative dell’Unione europea, di connettersi senza fili per ricevere dati alla velocità di 10 gigabit al secondo, circa 100 volte di più della connessione 4G. Sono le frequenze vendute a 6,5 miliardi di euro all’asta dell’ottobre 2018, a cui hanno partecipato tutti i principali protagonisti delle telecomunicazioni in Italia: Wind 3, Vodafone, Telecom Italia, Fastweb e Iliad.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Unicredit, accesso non autorizzato ai dati di 3 milioni di clienti: “Non compromesse le coordinate bancarie”

prev
Articolo Successivo

Germania, via libera della Commissione Ue al salvataggio della banca di Hannover con 3,6 miliardi di fondi pubblici

next