Trent’anni di carriera da festeggiare nel luogo ricco di ricordi, emozioni e di presenze con oltre 100mila persone accorse da tutta Italia ad ogni appuntamento. Luciano Ligabue ha annunciato con un video, a sorpresa, una iniziativa speciale pensata ad hoc per celebrare l’importante ricorrenza artistica. “Magari qualcuno avrà riconosciuto il posto dove sono… – dice Liga nel bel mezzo della pista – Eh sì è Campovolo per forza! Il posto in cui festeggeremo i nostri 30 anni di carriera! Questo è il posto delle nostre feste e ricorrenze che comprimeremo in una serata sola. Cercheremo di festeggiare tutti insieme, ci saranno anche altre sorprese e c’è soprattutto una novità importante qua vicino stanno costruendo la fatidica arena speciale per fare concerti e avremo il piacere e l’onore di inaugurare con quel concerto questa arena”.

L’evento “30 anni in un giorno” si terrà in uno spazio totalmente nuovo e creato rigorosamente ad hoc per la musica al Campovolo, denominato RCF Arena Reggio Emilia, attrezzato per ospitare fino a 100.000 persone, “con una pendenza del 5% per garantire una visuale e un’acustica ottimali”, come ha specificato anche il manager dell’artista Claudio Maioli. Ligabue è molto legato a Campovolo. Il primo evento Live si è tenuto nel 2005 davanti a 165.264 persone, nel 2011 c’erano 117.060 e infine nel 2015 erano 151.395 i presenti. Poi c’è stato il Liga Rock Park al Parco di Monza nel 2016 con 80mila persone.

Numeri del passato molto importanti che rappresentano una nuova sfida per Liga e fanno ben sperare sulla riuscita del trentennale. I fan dell’artista probabilmente preferiscono questo tipo di eventi, che un tour negli stadi come è successo la scorsa estate con “Start Tour”, non soddisfacente per quanto riguarda presenze e incassi. Situazione peraltro “denunciata” dallo stesso artista in un post sui social sincero e diretto, come del resto è sempre stato Liga: “Ciao ragazzi, come va? Allora: il tour è cominciato e se da un lato è vero che in alcuni stadi, a questo giro, l’affluenza di pubblico è inferiore alle previsioni dell’agenzia, dall’altro è anche vero che l’altra sera a Bari è stato meraviglioso ritrovarvi con tutta quella energia e passione e bellezza che solo voi sapete sprigionare. Ne avevo bisogno visto che da un anno e mezzo non vi avevo davanti”. Così aveva scritto Liga. Ora bisognerà capire se Campovolo riuscirà a catalizzare l’attenzione di 100mila persone, questa è la capienza della nuova RCF Arena Reggio Emilia. Da qui al 12 settembre c’è tempo e c’è da scommettere che saranno anche svelate molte sorprese, come, ad esempio, colleghi che hanno collaborato con lui in tutti questi anni – da Elisa a Loredana Bertè – che potrebbero calcare il nuovo palco proprio quella stessa sera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fred Bongusto morto, addio al cantante di “Una rotonda sul mare”: aveva 84 anni

next
Articolo Successivo

Vegas Jones alla prova dei messaggi privati (e irriverenti) a FqMagazine: “Le foto nudo? Le mando solo alla mia tipa. Dite a chi vi ostacola di andare affa****”

next