Mentirono quando negarono di essersi prostituite con Silvio Berlusconi. Con quest’accusa la Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per falsa testimonianza di quattro donne, durante il processo sulle escort portate fra il 2008 e il 2009 dall’imprenditore barese nelle residenze dell’allora presidente del Consiglio. Il pm Marco D’Agostino ipotizza il reato di falsa testimonianza nei confronti di Vanessa Di Meglio, Sonia Carpentone, Roberta Nigro, Barbara Montereale. E anche per Dino Mastromarco, ex autista di Gianpaolo Tarantini

L’udienza preliminare sarà fissata nei prossimi mesi, mentre proprio oggi si è tenuta un’altra udienza del processo nel quale Berlusconi è imputato per aver pagato Tarantini affinché mentisse ai pm che indagano sulle escort. Il procedimento per falsa testimonianza ha origine con la sentenza escort del 13 novembre 2015 (attualmente pendente in appello) che portò alla condanna di quattro imputati per reclutamento di prostitute, tra i quali Tarantini (condannato a 7 anni e 10 mesi di reclusione). Nella sentenza i giudici avevano disposto la trasmissione degli atti alla Procura per procedere nei confronti delle ragazze, per falsa testimonianza. I successivi accertamenti della magistratura barese – svolti incrociando le dichiarazioni al processo tra ottobre 2014 e maggio 2015 con quelle rese agli inquirenti dalle stesse donne nella fase delle indagini, e con il contenuto delle intercettazioni telefoniche, in particolare le conversazioni con Gianpaolo Tarantini – avrebbero confermato le presunte menzogne per le quali ora i cinque indagati rischiano un processo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Astaldi, i commissari Ambrosini e Rocchi e l’asseveratore Gatti indagati per corruzione in atti giudiziari

prev
Articolo Successivo

Avellino, voto di scambio camorristico della Lega in Irpinia: l’ombra del clan Partenio sulla crisi delle concerie di Solofra

next