L’inchiesta per peculato è stata chiusa, ma i sequestri continuano. È di oltre 11 milioni e mezzo di euro il “bottino” sui cui ha messo le mani per legge la Procura di Roma nei confronti di titolari di alberghi e strutture ricettive della Capitale accusati di essersi per anni intascati la tassa di soggiorno destinata alle casse del Comune di Roma.

L’accusa formulata dai pm, coordinati dal procuratore aggiunto Paolo Ielo, è quella di peculato. Tra loro anche Cesare Paladino, gestore del Grand Hotel Plaza di Roma e padre dell’attuale fidanzata del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha già patteggiato davanti al gup una pena ad un anno due mesi e 17 giorni. A Paladino i pm hanno sequestrato due milioni di euro.

L’ultimo sequestro, pari a circa 200mila euro, è stato disposto il 21 ottobre scorso dal gip nei confronti del rappresentate legale della società che gestisce l’hotel a quattro stelle Domidea. L’imprenditore è accusato di essersi intascato la tassa di soggiorno dal 2015 al 2018. L’imposta è stata codificata nel 2010 e prevede un contributo a carico di chi alloggia nelle strutture alberghiere da applicare secondo criteri di gradualità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ergastolo ostativo, firmo la petizione. Perché le minacce ai giudici non avvengono solo al cinema

next
Articolo Successivo

Fincantieri, 34 indagati tra dirigenti e imprese in subappalto: sfruttamento della manodopera e corruzione le accuse

next