Giuseppe Conte scende di quattro punti dal 22 ottobre nella classifica di gradimento e si ferma a 39, mentre Matteo Salvini nello stesso lasso di tempo ne guadagna due e arriva a 36. Stesso aumento registrato anche da Giorgia Meloni (33), Nicola Zingaretti (27) e Matteo Renzi (14). Stabili invece Di Maio (25) e Silvio Berlusconi (21). Ma il sondaggio realizzato dall’Istituto Ixè per la trasmissione di Rai3, Cartabianca non registra soltanto la classifica dei leader ma anche le intenzioni di voto degli italiani.

La Lega si conferma il primo partito con il 32% dei consensi rispetto al 30,9% della scorsa settimana. Lieve crescita per il Partito Democratico che passa al 20,1 da 19,5 mentre scende ancora il Movimento Cinque Stelle al 17,9 dal 19,2. Sale leggermente anche Forza Italia al 7,8 dal 7,7, stabile Fdi – che si conferma secondo partito del centro destra e Meloni ha un gradimento di poco inferiore a quello di Salvini – al 9,5 mentre cresce Iv dal 3,7 al 3,9. In crescita più Europa al 2,2 dal 2 mentre scende La Sinistra all’1,9 dal 2. I dati invece del sondaggio Swg realizzato tra il 30 ottobre e il 4 novembre indicano la crescita di Lega, Forza Italia e Italia Viva, ce il calo di M5S e Pd. Nel dettaglio, la Lega sale al 34,1% dal 33,6 della scorsa settimana, il Pd cala al 17,5 dal 18, M5S scende al 16,8 dal 18,2, Fdi cala all’ all’8,9 dal 9, Italia Viva cresce al 6 dal 5,2, Forza Italia sale al 6,2 dal 5,5, Art.1 resta al 3,2.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La sinistra in Occidente è finita? Forse qualche segnale di rinascita c’è

next
Articolo Successivo

Riforme costituzionali, maggioranza presenta ddl: Senato non più regionale. Taglio ai delegati per l’elezione del capo dello Stato

next