L’ex amministratore delegato di 3 Italia Vincenzo Novari è stato nominato amministrato delegato delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2016. La nomina è arrivata dopo l’incontro a Roma tra il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, il presidente del Coni Giovanni Malagò, il sindaco di Milano Giuseppe Sala, il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, il governatore del Veneto Luca Zaia e il sindaco di Cortina Gianpietro Ghedina, riuniti proprio per scegliere il ceo del Comitato organizzativo delle Olimpiadi italiane.

Novari è stato preferito agli altri due candidati: Alberto Bardan, ex Rinascente e Grandi Stazioni, e Tom Mockridge, ex di Sky. “Abbiamo deciso all’unanimità. Crediamo che abbia tutte le qualità per fare un buon lavoro“, ha commentato al scelta il ministro Spadafora. “Novari – aggiunge il governatore del Veneto Luca Zaia – è la persona giusta. Ringrazio le persone che hanno partecipato alla selezione, tutte avrebbero potuto ricoprire questo ruolo di grande valore. Poi però se ne sceglie uno solo”.

Al termine della riunione il presidente del Coni Giovanni Malagò precisa: “Le prossime mosse? Istituire entro fine mese il comitato, quindi assolvere a tutti gli atti formali, rispettando i termini previsti dal Cio”. E il sindaco di Milano Sala ha precisato: “Dobbiamo comunicare rapidamente al Cio che la legge olimpica seguirà quello che è scritto nel dossier di candidatura. I trasferimenti dal Cio a noi non verranno tassati affinché tutte le risorse arrivino direttamente e dovremo comunicare formalmente il nome dell’amministratore delegato. A questo punto è un tema del governo che dovrà preparare velocemente il testo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lokomotiv Juventus 1-2, bianconeri agli ottavi di Champions grazie al gol di Douglas Costa all’ultimo minuto

prev
Articolo Successivo

Domeniche bestiali – In Molise il guardalinee inaugura lo sputometro. Campania: in campo 4 gol subiti, fuori 4 gomme in meno

next