Dal 1918 era ferma a un passo dal baratro delle cascate del Niagara, le piogge e il vento sono riuscite a spostarla. Era il pomeriggio del 6 agosto quando l’imbarcazione si staccò dal rimorchiatore. A bordo c’erano Gustav Lofberg e James Harris. I due aprirono le porte di scarico sul fondo, l’acqua invase la nave che affondò parzialmente, incastrandosi tra le rocce a circa 600 metri dalla cascata. Lofberg e Harris, grazie al loro tempismo, evitarono di precipitare e furono salvati il giorno successivo. L’operazione di recupero del relitto non fu invece considerata fattibile e la nave fu lasciata tra le acque. Da allora l’imbarcazione è rimasta immobile. Dopo 101 anni il maltempo l’ha sospinta ancora più vicino al bordo delle Horseshoe Falls.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La nave da guerra è in mezzo alla tempesta: le onde la investono ma a bordo reagiscono così

prev
Articolo Successivo

Graffiata dal gatto di casa finisce in terapia intensiva a causa del ‘batterio mangia carne’

next