Stavano tornando a casa dopo una serata trascorsa in discoteca a Jesolo, ad una festa di Halloween, quando l’auto su cui viaggiavano è uscita di strada entrando nel terrapieno, ha colpito un albero a bordo strada e poi si è ribaltata su se stessa. Per Giulia Zandarin, 18 anni, non c’è stato nulla da fare: è morta sul colpo e il suo corpo è stato estratto senza vita dalle lamiere dell’auto. È ricoverato in coma invece il fidanzato 19enne che era alla guida, Alberto Antonello, fratello di Andrea e figlio di Franco, che hanno ispirato il film di Gabriele Salvatores, Tutto il mio folle amore, appena uscito nelle sale.

L’incidente è avvenuto nella notte del 1 novembre sull’autostrada A4, all’altezza di Musile di Piave, in direzione Venezia: dai primi accertamenti, il giovane era al volante senza la patente, che la polizia gli aveva sequestrato poche ore prima. Con sé aveva solo il permesso per il solo rientro a casa che gli era stato dato dagli agenti: ma, anziché tornare subito a casa, il 19enne è andato in discoteca con la fidanzata e poi si è rimesso alla guida. Non solo, Alberto Antonello è risultato positivo all’alcol test, mentre si attendono ancora gli esiti degli esami tossicologici.

Il film che vede protagonisti il padre e il fratello di Antonello è tratto dal romanzo Se ti abbraccio non aver paura, racconta il viaggio in America dell’imprenditore di Castelfranco Veneto Franco Antonello e del figlio autistico Andrea, fratello maggiore di Alberto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto San Giuliano di Puglia, una delle bambine sopravvissute ora fa la maestra: “Voglio ricambiare la solidarietà ricevuta”

next
Articolo Successivo

Andrea Manfredi, morì nell’incidente aereo in Indonesia: la sua famiglia fa causa alla Boeing

next