La vittoria, le lacrime e la gioia di Paolo Vallesi alla seconda edizione di “Ora o mai più” hanno nascosto in realtà, uno dei periodi più difficili e bui dell’artista. Il cantautore in una delle “Domande al buio” di “Vieni da me”, condotto da Caterina Balivo su Rai Uno, ha confessato di aver vinto la battaglia contro il cancro proprio durante la partecipazione a “Ora o mai più”.

“Ora posso raccontarlo perché è finita e non è più un problema per i miei familiari e per chi mi sta vicino – ha confessato Paolo -. È una cosa successa di recente, risale al periodo della mia partecipazione a ‘Ora o mai più‘, e ho preferito il silenzio perché non volevo che in qualche modo una cosa del genere avesse a che fare con la mia carriera artistica. Mi sono rimesso in gioco con quel programma”.

La volontà di non condividere questo momento difficile con il pubblico televisivo è stata pensata e ragionata a lungo da Vallesi, con una motivazione importante: “Se il pubblico mi dava una chance di tornare a fare il cantante, volevo fosse solo per meriti artistici. All’inizio la presi male. Non pensi mai che queste cose possano capitare a te. Ma ora sono felice di raccontarvi una cosa che non ha più nessun peso nella mia vita e non voglio che ce l’abbia mai più”.

Subito dopo la vittoria Vallesi ha pubblicato il singolo “Ritrovarsi Ancora”. “Una canzone scritta in 30 minuti, che ripercorre alcuni momenti che per me, e solo per me, sono stati tra i più importanti della mia vita.- aveva dichiarato l’artista in occasione dell’uscita -. Si parla di ritrovarsi insieme ancora una volta a distanza di tempo. L’ho scritta pensando a quello che sarebbe successo durante la mia partecipazione al programma Ora o mai più”. L’artista sembra voglia anche tentare la carta di Sanremo 2020 per un ritorno in grande stile, dopo la vittoria nel 1991 nel Girone Giovani con “Le persone inutili” e poi tra i Big l’anno successivo con “La forza della vita” classificandosi al terzo posto, fino all’ultima partecipazione del 1996 con “Non andare via”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dimentica in treno il suo violino da 300mila euro: è caccia al ladro. Stephen Morris doveva suonare con Andrea Bocelli

prev
Articolo Successivo

Silvio Berlusconi, “i figli gli hanno chiesto di lasciare Francesca Pascale”. Ma lui smentisce: “Non si permetterebbero mai”

next