I figli hanno chiesto a Silvio Berlusconi di mettere fine alla sua relazione con Francesca Pascale, perché giudicata ingombrante“. È l’indiscrezione-bomba lanciata da La Stampa che riaccende i riflettori dei gossip sul leader di Forza Italia e sulla sua compagna Francesca Pascale. Secondo quanto riferisce Ugo Magri, Marina, Piersilvio, Barbara, Eleonora e Luigi stanno facendo pressioni sul padre affinché chiuda la sua relazione con l’ex soubrette napoletana che, a loro dire, sottopone Silvio a un continuo stress con le sue scenate di gelosia, oltre ad obbligarlo a un’eccessiva presenza sui social.

Non una questione di ingerenza politica quindi, nonostante la Pascale sia sbarcata su Instagram solo un paio di settimane fa esordendo con dei post in difesa dei diritti Lgbtq, neppure di eredità o di salute, dal momento che – sempre secondo La StampaBerlusconi si lascia andare “troppo spesso” a “indigestioni di dolciumi e bollicine” quando va a trovare la fidanzata a Villa Maria, la sua residenza. Da parte sua, l’ex Cavaliere ha tenuto a smentire con forza quanto riferito: “Ancora una volta leggo con stupore sul quotidiano ‘La Stampa‘ di quest’oggi notizie del tutto inventate e del tutto infondate – ha scritto Berlusconi in un post su Facebook -. Ogni singola parola di questo ultimo articolo deve essere recisamente smentita. Come è naturale e come è ovvio, i miei figli non si sono mai permessi e mai si permetterebbero alcuna intromissione nella mia vita privata. Ogni ipotesi in tal senso è palesemente risibile – ha concluso l’ex presidente -. Il mio rapporto con Francesca Pascale continua da molti anni con immutato, reciproco affetto e senza gelosie“.

Eppure, a sostegno della sua tesi, la Stampa riporta due episodi significativi: uno è il fatto che il leader di Forza Italia abbia accettato di partecipare da solo al matrimonio della nipote Lucreza, l’altro, ancora più eclatante, è l’assenza della Pascale alla sua festa di compleanno, organizzata a Villa Gernetto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Vieni da me, Paolo Vallesi rivela: “Ho avuto il cancro mentre partecipavo a ‘Ora o mai più’”

next
Articolo Successivo

Elisabetta Gregoraci contro Flavio Briatore e la sua nuova fidanzata di 49 anni più giovane: “Fa rabbrividire”

next