Sempre con il tasso alcolemico oltre i limiti. E non per qualche birra di troppo, ma per un disturbo raro. Nel linguaggio medico si chiama sindrome della fermentazione intestinale e ne “soffre” un uomo di 46 anni della Carolina del Nord: il suo corpo produce quantità di etanolo tramite fermentazione degli amidi all’interno del sistema digestivo. Uno stato di salute difficile da credere: gli hanno dato del bugiardo anche alcuni agenti che, fermato l’uomo per guida irregolare, hanno riscontrato un livello di alcol nel sangue più del doppio del limite legale. Il 46enne ha spiegato loro di non aver bevuto ma né la polizia né i medici gli hanno creduto. E, invece, stava dicendo proprio la verità.

Tutto ha inizio nel 2011: ha cominciato ad avere problemi di memoria, appannamento mentale, depressione, oltre a un insolito malumore e aggressività dopo aver assunto degli antibiotici per un infortunio alla mano. Sintomi con cui ha dovuto convivere per tre anni fino a quando nel 2014 si è deciso a rivolgersi a un medico che gli ha prescritto dei farmaci antidepressivi. Ma la diagnosi era un’altra: dopo essere stato fermato in presunto stato di ubriachezza, dei test medici hanno rivelato che l’intestino ospitava una colonia di funghi, tra cui Saccharomyces cerevisiae, più comunemente noto come lievito di birra. La cura: farmaci antifungini e dei probiotici per ripristinare i batteri intestinali sani. Nessun effetto collaterale ora, ma il corpo continua a produrre alcool. I medici evidenziano che “questa diagnosi deve essere presa in considerazione in tutti i casi in cui vi siano manifestazioni positive di tossicità ma viene negata l’assunzione di alcol”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lilli Gruber su Vittorio Feltri: “A questo poveretto in andropausa gli dice proprio malissimo”. E lui risponde con un tweet

next
Articolo Successivo

Philippe Daverio, polemiche dopo Il Borgo dei borghi. A Le Iene confessa: “A me la Sicilia non piace. Terroni che rosicano”. Poi però ci ripensa: “Chiedo scusa”

next