Elettra Lamborghini potrebbe avere un’altra sorella. Nella lista degli ereditieri di una delle famiglie più ricche d’Italia, oltre a Elettra, Ferruccio, Lucrezia, Flaminia e Ginevra si potrebbe aggiungere la sorella maggiore Flavia, figlia di Rosalba Colosimo, ex fiamma del famoso imprenditore Tonino. La “bomba”, ancora tutta da confermare, è stata sganciata dalla signora Colosimo lunedì sera nel salone di Non è la D’Urso: “Sono rimasta incinta nel 1987 – ha raccontato -. Lui è stata la prima persona che ho informato e la prima cosa che mi ha detto è stata: ‘Non ti permettere di abortire‘”. E poi continua: “Io ero felicissima, voleva dire che aveva accettato la cosa. Però, subito dopo mi ha detto: ‘Rimarrà il nostro segreto a vita’. Queste le parole che ha usato. Non una di più e una di meno”. Un segreto che la donna ha tenuto nascosto alla figlia fino a un anno fa e che ora grida a tutta Italia.

Dalla D’Urso la donna ha raccontato tutta la sua love story: ha spiegato di aver conosciuto molti anni fa Lamborghini, di esserne stata ammaliata, ma di aver rifiutato il corteggiamento per paura di non essere all’altezza di quella nota famiglia. Ma, dopo averlo incontrato una seconda volta è caduta ai suoi piedi quando la donna era già sposata con il suo ex marito. Sempre secondo il racconto della donna, tra Flavia e Tonino Lamborghini ci sarebbe stato poi anche un incontro durante il quale l’imprenditore le avrebbe fatto sapere di non essere disposto a riconoscerla. “Mia figlia gli ha fatto capire che non vuole i soldi, ma solo sapere la verità. Se fosse stato per i suoi soldi l’avrei fatto quando Flavia aveva 2 anni. Lei vuole il test del Dna, ma lui ha risposto che non può dare retta a tutte le donne con cui è stato stato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Philippe Daverio, polemiche dopo Il Borgo dei borghi. A Le Iene confessa: “A me la Sicilia non piace. Terroni che rosicano”. Poi però ci ripensa: “Chiedo scusa”

next
Articolo Successivo

Come sarà l’impiegato del futuro? Occhi rossi, sovrappeso, gambe gonfie, schiena curva. Ecco le immagini

next