Avrebbe dovuto entrare in vigore il prossimo 15 novembre, ma un giudice federale l’ha bloccata: “Sfida la Costituzione degli Stati Uniti“. Si tratta della legge anti-aborto firmata lo scorso maggio dalla governatrice dell’Alabama Kay Ivey e approvata dal Senato di Stato americano: interruzione di gravidanza proibita anche in caso di stupro o incesto. La misura più restrittiva di tutti gli Stati Uniti. Secondo il giudice, la legge è incostituzionale perché viola il diritto dell’individuo alla privacy e di fare scelte essenziali per la dignità personale e autonomia: “Sminuisce la capacità delle donne di agire nella società e di prendere decisioni in merito alla riproduttività. “.

La legge prevede che una donna possa abortire solo in presenza di un grave rischio per la sua salute o in caso di “anomalia letale” del feto. Al di fuori di questi casi, i medici che proveranno a praticare l’interruzione di gravidanza rischiano di essere condannati a 10 anni di carcere, che salgono a 99 anni nel caso in cui l’operazione vada a buon fine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti, il 2 novembre scatta il rinnovo dell’accordo Italia-Libia. Ong: “Governo lo fermi, ora sanno delle torture nei lager”

next
Articolo Successivo

Stati Uniti, la Camera riconosce formalmente il genocidio armeno. La Turchia convoca ambasciatore americano ad Ankara

next