“Caro Mario, hai giocato un ruolo centrale nel ritorno alla stabilità” nel momento più difficile della crisi “hai capito – fra i pochi a quel tempo – il potere della destabilizzazione legato rischi che si autoalimentavano”. Lo ha detto Christine Lagarde nel discorso letto in occasione della cerimonia di congedo di Mario Draghi dalla presidenza della Bce. La Lagarde ha elogiato – fra le qualità di Draghi – “la determinazione, che è stata cruciale” nel trovare una soluzione. E alla fine ha citato una canzone di Leonard Cohen, Anthem. “Dato che entrambi amiamo la musica, voglio citare le parole di una canzone che dal mio punto di vista corrisponde bene a quello che hai fatto. ‘Ring the bells that still can ring. Forget your perfect offering. There is a crack in in everything. That’s how the light gets in’ (Suona le campane che ancora possono suonare. Dimentica la tua offerta perfetta. C’è una crepa in ogni cosa. È così che entra la luce)”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bce, Mattarella: “Con Draghi sconfitto il rischio della fine dell’Euro. Oggi sistema economico Ue è più solido”

next
Articolo Successivo

Brexit, Consiglio Ue: “Ok rinvio al 31 gennaio”. Westminster boccia ancora Johnson: “No voto anticipato il 12 dicembre”

next