Ancora turbati e sconcertati per la gragnuola di balle che ha colpito negli ultimi giorni la Gran Bretagna e il continente europeo a proposito di Brexit, alcuni simpatici twittatori hanno preferito lasciar perdere le fonti di Downing Street e i giornali e le tv che vi prestano fede per dedicarsi a compilare tutti insieme la cronaca del secolo che verrà.

Il primo a scrivere è stato lo scrittore bulgaro-britannico Julian Popov, gli altri hanno continuato sul tema e la storia si sta diffondendo in decine di rivoli con contributi provenienti da tutta Europa. Un sincero grazie a tutti gli “storici del futuro” per la loro ironia e per qualche risata strappata, nonostante la preoccupante saga che da troppi anni sta rubando tempo e denaro a tutti i cittadini europei, compresi i britannici. Qui di seguito una piccola sintesi, ma il consiglio è di andare direttamente alla fonte, verificare ed eventualmente partecipare.

Cronaca del 19 ottobre 2192

Il primo ministro britannico si è recato a Bruxelles per chiedere una proroga della data di scadenza per la Brexit. Nessuno ormai ricorda più da dove tragga origine questa tradizione ma essa attrae ogni anno migliaia di turisti da tutto il mondo.

Il costume cerimoniale prevede un abito apparentemente cucito per un soggetto di una taglia e, forse, di una specie completamente diversa, accompagnato da una parrucca bionda di nylon che sia stata collocata per 30 minuti in un’asciugatrice alla temperatura massima.

Intorno i bambini, che indossano strane maschere complete di buffe acconciature gialle, bussano alle porte delle case chiedendo “my deal or no deal”. Sono stati il romanzo a fumetti B for Brexit e il film che ne è stato tratto a rendere popolari il vestitone e la zazzerona gialla, nonostante quello fosse un racconto distopico basato sui referendum e ispirato solo assai alla lontana al folklore di “Guy BoJo”.

Oggi alcuni reperti storici sono esposti su una tavola rotonda, ricavata da un unico blocco di bullshit essiccata, che, si dice, sia una copia di quella originale dove BoJo e la sua allegra brigata erano usi darsi buon tempo in un remoto passato, ma gli storici sono divisi sul suo vero significato.

(continua)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regeni, il Parlamento Ue vota risoluzione che condanna l’Egitto: “Stop a relazioni ed export se continuano a violare i diritti umani”

prev
Articolo Successivo

Brexit, Tusk: “I 27 Paesi Ue hanno accettato il rinvio fino al 31 gennaio 2020”. Ma Johnson punta alle elezioni il 12 dicembre

next