Abd al-Rahman al-Milad, meglio conosciuto come Bija, il trafficante di esseri umani a capo della Guardia Costiera libica di Zawiya che, come rivelato dalle inchieste di Nancy Porsia e di Avvenire, aveva incontrato rappresentanti del ministero dell’Interno italiano al Cara di Mineo nell’ambito della trattativa per la gestione dei flussi migratori dalla Libia ha rilasciato un’intervista a L’Espresso. E ha aggiunto un particolare: in quell’occasione “sono stato anche al Viminale”, quando ministro dell’Interno era Marco Minniti. L’intervista, realizzata da Francesca Mannocchi, sarà trasmessa a Propaganda Live su La7 questa sera venerdì 25 ottobre.

Come già ricostruito, Bija spiega di aver ricevuto l’invito a recarsi in Italia dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) “tramite la Guardia costiera che fa parte della Marina libica. Il viaggio non riguardava solo l’Italia, ma anche Tunisi e la Spagna – dice – È stato un viaggio molto fruttuoso, in Italia abbiamo cambiato posto ogni giorno, in Sicilia, a Roma, nel Lazio. È stato utile perché abbiamo visitato le navi dell’Operazione Sophia e della Guardia Costiera italiana, il centro di accoglienza in Sicilia a Mineo”.

Durante la sua permanenza in Italia, l’uomo spiega di aver “incontrato membri del ministero dell’Interno”, ma non ricorda i nomi. Alla domanda se avesse incontrato anche l’ex ministro Marco Minniti risponde “non so, forse, non ricordo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, grafici editoriali in sciopero: “Contratto scaduto dalla fine del 2015”

next
Articolo Successivo

Milano, spray al peperonicino alla stazione della metropolitana di Cimiano: disturbi respiratori per 10 passeggeri. Si cerca l’autore

next