Umiliata, derisa, isolata da tutti”. La madre di Lady Gaga confessa in tv alcuni retroscena dell’adolescenza di sua figlia. Cynthia Germanotta intervistata durante il programma CBS – This morning ha svelato i grossi problemi di bullismo vissuti dalla cantante pop statunitense quando era ragazzina. “Stefani è stata davvero unica. E questo non è stato sempre apprezzato dai suoi coetanei. Di conseguenza ha attraversato molti momenti difficili. Umiliata, schernita, isolata. Quando sei una giovane donna, questo ti colpisce davvero molto. Questa svolta l’ho vista accadere mentre mia figlia era alle medie”, ha spiegato la donna.

“È passata dall’essere una ragazza molto felice a una con grosse difficoltà. C’è stato qualcuno che ha iniziato a mettere in discussione la sua autostima e le ha fatto nascere dubbi su se stessa”. Cynthia, elegante e bionda signora tanto quanto la figlia popstar, ha aperto il suo cuore e la sua anima di mamma incapace di agire: “Ad un certo punto non sapevo distinguere cosa fosse un comportamento normale di un’adolescente che stava cambiando e cosa fosse invece un problema. Mia figlia mi ha insegnato ad ascoltarla e al dare valore ai suoi sentimenti. Noi genitori abbiamo un istinto naturale, modalità “risoluzione dei problemi”, quando in realtà i figli vogliono che tu capisca cos’hanno nella loro testa e che tu li prenda sul serio”. Infine un rammarico, poi presto superato, grazie alla lotta continua assieme alla figlia nel portare avanti i progetti della fondazione Born this way, organizzazione che si occupa di aiutare le persone con difficoltà a livello mentale ed emotivo: “In generale, nella nostra società, non trattiamo la salute mentale come trattiamo la salute fisica. Per questo nella nostra famiglia quando abbiamo capito dei problemi di mia figlia non sapevamo cosa fare. Come genitore non ero pronta ad affrontarla e mi sono sentita in colpa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jeff Bezos, il Ceo di Amazon non è più l’uomo più ricco del mondo nella classifica di Forbes

next
Articolo Successivo

Nino Formicola diventa youtuber: “I commenti? Scrivono “Caxxo, è simpatico il vecchio”. E mi arrivano pure richieste di sponsorizzazione”

next