Nasci collegiale, muori influencer. L’impatto che ha Il Collegio sugli adolescenti non ha precedenti: il docu-reality riesce a far staccare, almeno per due ore, i giovani italiani da Youtube e TikTok per farli appostare di fronte alla ormai anacronistica (perlomeno ai loro occhi) televisione. Ambientata nel 1982, la quarta edizione ha debuttato ieri sera con il 10,7% di share, pari a 2,4 milioni di telespettatori. Ma cosa è successo nella vita degli alunni delle precedenti edizioni? Ve lo diciamo noi: sono diventati tutti (o quasi) della webstar, amate e idolatrate dai loro coetanei.

Come i tronisti e i gieffini dei primi anni Duemila, i teenager collegiali si prestano a “serate” (ma di pomeriggio) nei centri commerciali, alla scrittura di libri, a pubblicità più o meno credibili e a tentativi attoriali. I loro numeri social fanno invidia a qualsiasi conduttore nazional popolare. Prendete Ludovica Olgiati, alunna della prima edizione: è diventata una youtuber con quasi 200mila iscritti al suo canale, mentre su TikTok ne ha più di 900mila, di followers. Tra i più quotati c’è poi Alice De Bortoli, la “peperina” di Treviso con 1 milione di followers al seguito su Facebook (e altrettanti su TikTok). Tra sponsorizzazioni e foto da fashion victim come se fosse una mini Chiara Ferragni, tutto quello che tocca diventa oro, tanto che anche il suo fidanzato è diventato una star sui social.

Da Swami Caputo, la fiorentina della prima edizione, a Luca Cobelli, il belloccio milanese dell’ultima: sono in tanti a essersi uniti in una crew chiamata House of Talent, che cavalca il momento e li accompagna per mano verso il successo. Grazie a Matteo Altieri, un manager 23enne, gli ex collegiali sono spesso in giro per eventi (quasi sempre ambientati nei centri commerciali) e accettano ingaggi pubblicitari da fare invidia.

Molti di loro – da Federico Mancosu a Matteo Andreini, da Noa Planas a Roberto Magro, da Giuseppe Spilateri a Brunella Cacciuni – si sono cimentati con la recitazione in una web series creata proprio da House of Talent. Ma non tutti vogliono fare gli attori attori o gli influencer, c’è anche chi è sbarcato in libreria. Come Michelle Cavallaro e Sebastian Frigerio, rispettivamente collegiali della seconda e terza edizione: da meno di un mese hanno pubblicato un libro ciascuno.

E se le gemelle Fazzini e Nicole Rossi sono le protagoniste del nuovo spot Lines è (con quest’ultima che sarà anche una delle concorrenti della prossima edizione di Pechino Express), c’è chi fa sul serio con una carriera da attrice. Stiamo parlando di Jenny De Nucci: da poco 19enne, è stata bocciata al Collegio ma poi si è riscattata recitando in Un Passo dal Cielo e pure in Don Matteo, con cortometraggio da protagonista presentato addirittura all’ultimo Festival del Cinema di Venezia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballando con le Stelle, Carolyn Smith propone Giulia Salemi come concorrente ma Milly Carlucci mette il veto

next
Articolo Successivo

Sanremo Giovani, ondata di talent show alle selezioni. Ma Amadeus e la Commissione strizzano l’occhio all’indie e a cantautori

next