Per le partite Iva che guadagnando meno di 65mila euro e hanno aderito alla flat tax “ha prevalso la scelta di assoluto buonsenso di proseguire con il regime forfettario di determinazione dei costi per semplificare la vita dei contribuenti”. Ad annunciarlo è stato il viceministro Pd all’Economia Antonio Misiani all’assemblea di Confesercenti. Il capo politico del M5S Luigi Di Maio nella notte aveva detto che sul tema non era ancora stata trovata la quadra definitiva e sarebbe stato “oggetto della discussione nei prossimi giorni”, ma questa mattina su facebook conferma che “il regime forfettario resterà, stiamo lavorando ai dettagli”. Di fatto dunque la maggioranza ha concordato un’intesa di massima per bloccare il passaggio al regime analitico – che avrebbe comportato la necessità di fornire una puntuale documentazione di tutte le uscite registrate durante l’anno per aver diritto alle detrazioni – ma resta da sciogliere il nodo degli altri paletti per l’accesso al regime, a partire dal tetto alle spese per gli investimenti e per i dipendenti.

“Abbiamo ascoltato il mondo delle partite iva, ci siamo confrontati con loro” e abbiamo fatto “una scelta di buonsenso e di equilibrio“, ha detto Misiani. “Per quanto riguarda la flat tax noi vogliamo assolutamente confermare il regime fiscale di favore per tutto il popolo delle piccole partite Iva”, aveva anticipato a sua volta in mattinata il premier Giuseppe Conte a margine dell’assemblea di Confesercenti. “Per farlo stiamo verificando, per evitare che si aggravi la posizione della platea dei contribuenti”.

Il viceministro ha aperto anche alla possibilità di revisione della sugar tax annunciata dal titolare del Tesoro Roberto Gualtieri. “Vale poco più di 200 milioni, è una cosa che è stata adottata in decina di Paesi, ma poi nel corso della discussione parlamentare tutto è migliorabile. Se si trovano coperture alternative credo che il governo è disposto a discutere della sugar tax, dell’imposta sulla plastica e su alcuni limitatissimi interventi contenuti nella manovra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Evasione, Confesercenti: “Per favorire moneta elettronica ridurre commissioni”. Conte: “Al lavoro per tagliarle per le piccole transazioni”

prev
Articolo Successivo

Evasione, il modello portoghese che l’Italia sta imitando. Dallo scontrino elettronico alla dichiarazione dei redditi in un clic

next