“Io non so se sia scattata una qualche epidemia nei tribunali che si fidano della parola di uno spacciatore piuttosto che di uomini in divisa”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, in visita a Terni, commentando la notizia degli agenti di polizia penitenziaria finiti agli arresti domiciliari con l’accusa di torture e gravi violenze nel carcere Lorusso e Cutugno di Torino. “Non ci sono prove, c’è solo la parola di qualche ex-detenuto contro sei padri di famiglia. Uno stato civile punisce gli errori, anche quando ci sono commessi da uomini in divisa, ma che la parola di un detenuto valga l’arresto di un poliziotto mi fa girare le palle terribilmente” ha concluso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fisco, Cantone: “Inasprimento delle pene serve, ma evasione non si vince solo con le manette”

next
Articolo Successivo

M5s, Piera Aiello: “Io tra le 100 donne più influenti al mondo per mia lotta antimafia? Sono felicissima, ma anche imbarazzata”

next