“L’atteggiamento dei governi europei ed italiano è indecente perchè dovrebbero bloccare immediatamente ogni esportazione di armi verso la Turchia e forse non solo di armi”. Non usa mezzi termini il fondatore di Emergency Gino Strada per commentare l’invasione turca a margine della presentazione del report “Una rivoluzione silenziosa” nella sede milanese di Emergency. “Porsi il problema oggi se sia giusto o meno bloccare i contratti in essere di armi mi sembra che sia come giocare con la pelle delle persone”. Definisce Erdogan come “presidente fascista di uno stato fascista con un regime autoritario che massacra i propri cittadini mentre l’Europa sta a guardare”. La reazione dei paesi europei non convince il fondatore di Emergency: “C’è una crisi umanitaria in atto e il problema dell’Europa è l’Europa ovvero il fatto che l’Europa non esiste ad oggi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Leopolda, ci siamo. Italia viva è proprio questo

next
Articolo Successivo

Siria, Conte: “Fermare l’export di armi non basta. L’Italia appoggerà qualsiasi iniziativa che porti allo stop dell’offensiva turca”

next