“Nella mia lunga attività istituzionale non ho mai fatto pressioni su nessuno, non ho mai preteso o chiesto di fare alcunché o di fare assumere qualcuno. E anche in questo caso ho solo fatto presente la necessità, perché Expo ne aveva bisogno, di avere delle persone qualificate sulla sicurezza. Punto. Se c’era la possibilità di farlo bene, sennò non era un problema“. Lo ha detto l’ex governatore lombardo, Roberto Maroni, a margine del processo d’appello che lo vede imputato per le presunte raccomandazioni a favore di due ex collaboratrici dei tempi del Viminale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano Cucchi, al Memorial per il decennale della scomparsa ho visto un’umanità in marcia

prev
Articolo Successivo

Cagliari, il crac dell’impero sardo della sanità di Scanu: dalla società svuotata in 7 giorni alla “eccessiva tolleranza” delle banche

next