“Nella mia lunga attività istituzionale non ho mai fatto pressioni su nessuno, non ho mai preteso o chiesto di fare alcunché o di fare assumere qualcuno. E anche in questo caso ho solo fatto presente la necessità, perché Expo ne aveva bisogno, di avere delle persone qualificate sulla sicurezza. Punto. Se c’era la possibilità di farlo bene, sennò non era un problema“. Lo ha detto l’ex governatore lombardo, Roberto Maroni, a margine del processo d’appello che lo vede imputato per le presunte raccomandazioni a favore di due ex collaboratrici dei tempi del Viminale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Cucchi, al Memorial per il decennale della scomparsa ho visto un’umanità in marcia

next
Articolo Successivo

Cagliari, il crac dell’impero sardo della sanità di Scanu: dalla società svuotata in 7 giorni alla “eccessiva tolleranza” delle banche

next