Per qualche giorno Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, abbandonerà la chitarra e vestirà i panni da marinaio. Il cantante è pronto a salpare a bordo del Multi 70 Maserati nella nona edizione della Hong Kong to Vietnam Race, al via mercoledì, a fianco dell’amico e skipper Giovanni Soldini. “Il grande navigatore, e mio amico, mi ha preso nel suo equipaggio – scrive Jovanotti su Instagram -. Sarò grinder, cioè quello che frulla con le braccia, avete presente? Ho appena imparato che si dice così quindi non aspettatevi molto da me in senso tecnico ma farò del mio meglio per partecipare alla vittoria”.

Al Corriere della Sera l’amico Soldini racconta questi giorni che precedono la partenza: “Lorenzo è arrivato a Hong Kong per tempo. Ogni giorno viene a bordo e gli spiego qualcosa. Non farà il grinder per finta: deve sapere dove mettere le mani”. E poi aggiunge: “Sta imparando in fretta: ha molta voglia di navigare e di viversi una vera esperienza“. Non sarebbe l’unica regata in programma: “Mi piacerebbe che Lorenzo restasse, ne stiamo parlando. E a gennaio l’ho invitato alla Cape Town to Rio. Il fisico ce l’ha, il fiato non gli manca, è abbastanza sportivo da non soffrire la basicità di un multiscafo da regata molto spartano, senza bagno né letti”.

“Con Lorenzo ci siamo conosciuti anni fa – racconta Soldini sempre al Corriere – tramite amici comuni, e ci siamo subito stati simpatici. Nel 2017 l’avevo già ospitato in un trasferimento dalla Liguria alle Baleari ed era andata benissimo. Lo scorso agosto sono stato al Jova Beach Party di Viareggio: mica un concerto, un’esperienza. Portami con te, mi ha detto. Finito il tour, eccoci qui”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Domenica In, Mika: “Mia madre ha il cancro, ha subito un intervento gravissimo alla testa”

prev
Articolo Successivo

Clizia Incorvaia, l’ex moglie di Francesco Sarcina a “Live Non è la D’Urso”: “Chiedeva materiale pornografico alle fan”

next