Il calcio turco sostiene l’attacco in Siria. Almeno i membri della nazionale che hanno festeggiato la vittoria contro l’Albania, nella partita valida per le qualificazioni agli Europei 2020, schierandosi sull’attenti e facendo un saluto militare davanti alla loro tifoseria subito dopo il gol decisivo segnato da Tosun al 90esimo. Il gesto dei padroni di casa non è passato inosservato, così come il suo messaggio: la squadra di Şenol Güneş ha voluto pubblicamente sostenere l’attacco in Siria contro i curdi ordinato dal governo di Erdogan. Tra i protagonisti del saluto militare anche il centrocampista del Milan, Hakan Calhanoglu, e il difensore della Juventus, Merih Demiral.

Proprio il bianconero, così come l’ala della Roma Cengiz Under, erano già stato protagonisti di prese di posizione a favore dell’attacco turco sui social network, scatenando polemiche anche tra i loro tifosi. In un post su Twitter, Demiral ha definito l’attacco turco “un’operazione di pace“. Immediate le critiche: anche quella dell’ex capitano Claudio Marchisio che ha risposto pubblicando un tweet del giornalista Corrado Formigli contro l’occupazione turca: “I curdi sono gli eroi che hanno fermato l’Isis. Ora Erdogan occupa la loro terra. Possiamo voltarci dall’altra parte?”.


Ha fatto discutere anche il giallorosso Under: su Twitter ha pubblicato una foto che lo ritrae con la maglia del club giallorosso mentre esulta con il suo (solito) saluto militare dopo aver segnato. La foto risale a due anni fa, ma è stata postata nuovamente in queste ore dal calciatore con tre bandiere della Turchia e, dunque, interpretata da tutti come un messaggio di sostegno all’esercito turco. Un’interferenza tra i colori della Roma e le questioni geopolitiche che ha dato fastidio ha molti tifosi giallorossi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Berrettini, a Shanghai la sua corsa finisce in semifinale: battuto da Zverev. Da lunedì sarà numero 1 italiano e 11 al mondo

next
Articolo Successivo

Ginnastica, Simone Biles conquista 2 ori ai mondiali di Stoccarda ed entra nella storia con un nuovo record di medaglie

next