Violenze in strada, barricate a fuoco, scontri in strada. Ad Haiti l’escalation di proteste contro il governo ha portato oggi alla prima vittima, un giornalista di Radio Mèga, Néhémie Joseph, trovato morto nella sua auto domenica scorsa nel comune di Mirebalais. A riferirlo è Radio Vision 2000: si tratta del terzo reporter ucciso in meno di due anni. A fine settembre un fotografo dell’Associated Press, Chery Dieu-Nalio era stato ferito dagli spari di un senatore di maggioranza, Jean Marie Ralph Féthière, che aveva aperto il fuoco appena uscito dal Parlamento, a Port-au-Prince, a suo dire per difendersi dalla situazione di caos.

Da mesi il Paese centroamericano è attraversato da proteste e scontri animati dai leader dell’opposizione che chiedono le dimissioni del presidente Jovenel Moise, al potere da febbraio 2017: quest’ultimo ha rifiutato di abbandonare il proprio posto sostenendo di non voler lasciare il Paese “nelle mani di gang armate e di trafficanti di droga”. Le manifestazioni hanno coinvolto migliaia di persone, che lamentano la diffusa corruzione e la mancanza di generi di prima necessità: in particolare, gli attivisti accusano il governo di non aver alcuni fondi allo sviluppo di agricoltura e infrastrutture, come invece era previsto. Da febbraio, secondo il Guardian, le vittime per gli scontri sono state 20.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, la città di Qamishlo precipita nel caos. Raid turchi su carcere: “5 miliziani Isis in fuga” Esplode autobomba: “Quattro persone uccise”

next
Articolo Successivo

Los Angeles, l’incendio lambisce le case: “Situazione critica”. I vigili del fuoco tra le fiamme

next