Il centrodestra ritrova l’unità anche in piazza. Forza Italia aderirà alla manifestazione contro il governo del 19 ottobre, a piazza San Giovanni a Roma. A dare il via libera definitivo – dopo settimane di equilibrismi – è stato lo stesso Silvio Berlusconi con una nota in cui invita iscritti, simpatizzanti ed elettori a partecipare. “La politica economica del governo, come emerge dalla nota economica del Def – sottolinea Berlusconi – desta grande preoccupazione. Colpirà negativamente famiglie e imprese, porterà l’Italia nuovamente nella spirale della recessione. Anche per questa ragione Forza Italia aderirà alla manifestazione contro le politiche del Governo convocata per il 19 ottobre“. Sul palco sarà presente una delegazione del partito, forse dello stesso Berlusconi.

E’ una sorta di inversione a U per gli azzurri. Dopo un primo annuncio di manifestazione unitaria fatto da Berlusconi e Salvini un mesetto fa, i forzisti si sono un po’ barcamenati e fino a oggi non hanno sciolto la riserva. Una linea che sembrava confermata fino agli ultimi giorni tanto che la presidente Fdi Giorgia Meloni aveva insistito due giorni fa: “In ogni caso non comprendo il no di Forza Italia alla piazza di lunedì davanti a Montecitorio. Era assolutamente naturale una partecipazione di Forza Italia”. Nel frattempo però diversi berlusconiani erano in pressing alto e qualcuno aveva già anche annunciato la sua presenza a livello personale, come Maurizio Gasparri.

A dare la svolta è stato molto probabilmente il vertice tra i leader sulle elezioni amministrative e la linea dell’opposizione che si è tenuto alcuni giorni fa a Milano, nella residenza di Berlusconi in via Rovani, al termine del quale la rinnovata coalizione si è detta convinta di poter vincere tutta la tornata elettorale delle Regionali, a partire dall’Umbria, portando avanti in Parlamento la battaglia contro la maggioranza giallorossa, a partire dalla manovra economica e dalla riforma elettorale. “Il centrodestra unito – aveva osservato la capogruppo azzurra Annamaria Bernini – è l’unico antidoto all’ammucchiata di palazzo attualmente al governo. Per questo il vertice di ieri sera va salutato come una fondamentale ripartenza per mobilitare il Paese contro una maggioranza che è perfino peggiore dell’Unione di Prodi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italia Viva, prima proposta di legge è anti-fake news: commissione anche per inchiesta sul referendum costituzionale perso da Renzi

prev
Articolo Successivo

Calabria, Forza Italia: “Il centrodestra candida Occhiuto”. Lega: “Non lo sosteniamo, meglio persone senza problemi con la giustizia”

next