Una volta c’erano i Valli d’Adriano, le Muraglie Cinesi, le linee Maginot, le Cortine di Ferro. Adesso, il confine tra guerra e pace, tra giusto e iniquo, può essere labile e sottile come un tweet: tra quello con cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump annuncia il ritiro dalle truppe americane dalla Siria – perché è tempo di riportare a casa i ragazzi da quelle guerre “lontane e inutili” – e quello con cui, poche ore dopo, fa una capriola che sarebbe solo comica se non rischiasse di essere tragica e ridimensiona tutto. Nessun ritiro, ma il ripiegamento d’una cinquantina di uomini (su un migliaio).

Ora, sono 30 mesi e passa che il magnate presidente annuncia cose che non diventano mai vere perché semplicemente poi non le fa (o non ci riesce, o cambia idea). E quindi non dovremmo troppo stupirci della retromarcia, innescata dopo che consiglieri e militari di buonsenso gli hanno forse spiegato la situazione.

In Siria, la guerra “lontana e inutile” non è quella civile siriana, di cui, in fondo, agli americani è sempre importato poco – Barack Obama per primo la affidò a Vladimir Putin, dopo essersi incartato nella reazione, minacciata e non effettuata, a un attacco chimico dei lealisti di Bashar al-Assad.

La guerra cui Trump faceva riferimento era quella contro il sedicente Stato islamico, l’Isis dell’autoproclamato califfo Abu Bakr al-Baghdadi: un conflitto combattuto nei cieli dagli americani e dai loro alleati occidentali, ma sul terreno appaltato – in cambio di promesse comunque non mantenute – ai curdi, che difesero Kobane, riconquistarono Raqqa, presero Baghouz, ultimo baluardo dei miliziani jihadisti. E gli integralisti, più che nemici loro, erano nemici nostri.

Ritirare ora il migliaio di americani sul terreno in Siria significava lasciare che la Turchia entrasse in Siria senza imbarazzi e iniziasse, con la scusa di combattere il terrorismo, a combattere i curdi, che fin quando servivano erano eroi da cantarne le gesta e ora sono una minaccia per la democratura di Recep Tayyp Erdogan, con quel loro sogno folle di una patria curda a cavallo tra Turchia, Siria, Iraq e Iran – roba che lì hanno solo nemici.

Il primo tweet solleva le chiuse all’invasione (turca); il secondo le tiene giù. Perché se “neutralizzi”, come si dice nei comunicati, un po’ di curdi, non ti bada nessuno; ma se ti capita di accoppare qualche militare americano, poi lo senti il magnate showman.

Il torto e la ragione? La giustizia e l’ingiustizia? Nei tweet di Trump e di Erdogan non c’è spazio per l’etica e la filosofia.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Usa-Grecia, la strategia di Trump: non solo basi e droni, ora Pompeo gioca la carta dei gasdotti e dei Balcani

next
Articolo Successivo

Siria, la doppia battaglia di Donald Trump: annunciare ritiro in nome dell'”America First” o rimanere per non inimicarsi i Repubblicani

next