Treccine, mantellina anti-pioggia e il cartello: “Greta is your God”. E’ stato ritrovato questa mattina un manichino dell’attivista Greta Thunberg appeso sotto al ponte in via Isacco Newton, a Roma, fra Marconi e Portuense. Per ora si indaga per minacce aggravate. Il procedimento, al momento contro ignoti, è coordinato dal procuratore aggiunto Francesco Caporale che attende una informativa della polizia, intervenuta sul posto nel corso della mattinata.

Il gesto è stato rivendicato dall’organizzazione Gli Svegli, in una nota: “Abbiamo impiccato Greta Thunberg a Roma, in allegato le foto in via Isacco Newton. Il manichino ha la sua faccia e perfino le sue trecce. Seguiranno altre azioni”.

Rivendicazione ripetuta sui social, sia Facebook che Twitter:

La sindaca della città Virginia Raggi, invece, ha immediatamente espresso la propria solidarietà alla giovane e alla sua famiglia e ha definito l’atto “vergognoso”.

“Vergognoso il manichino di @GretaThunberg ritrovato appeso a un ponte nella nostra città. A lei e alla sua famiglia la mia solidarietà e quella di tutta @Roma. Il nostro impegno sul clima non si ferma”.

Arriva anche il commento di Fridays For Future Roma: “Apprendiamo da un articolo di giornale del fantoccio di Greta appeso a un cavalcavia. Questa è la conferma del fatto che chi identifica Greta come “il nostro Dio” è gente inconsistente e violenta, pronta solo ad attaccare a vuoto, senza fermarsi sul confronto e i contenuti. Noi non abbiamo alcun culto di questa ragazza, Greta dà la parola semplicemente agli scienziati e cita i dati di studi scientifici inconfutabili, gli stessi ignorati dalla politica. Noi in questa battaglia ci mettiamo la faccia, mentre questa gente si nasconde dietro minacce e aggressività. Dopo questo gesto siamo ancora più forti di ieri, ancora più vicini a Greta e a tutte le ragazze e i ragazzi che scendono in strada a difendere il nostro futuro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, bambino di 2 anni aggredito da scrofa. Il bollettino dell’ospedale Bambin Gesù: “Prognosi riservata, lesioni al viso e al collo”

next
Articolo Successivo

Migranti, naufragio a Lampedusa: 13 cadaveri recuperati, sono tutte donne. Erano in 50 su un barchino: “Tra i dispersi anche 8 bambini”

next