Cambia pelle, stile e mentalità, ma la Juventus resta per il momento la più forte di tutte. Il derby d’Italia di San Siro dice questo: i bianconeri che vincono 2-1 restano i più forti, pur essendo una squadra profondamente diversa da quella che ha dominato in questi anni, se non negli uomini, grosso modo gli stessi, di sicuro nella mentalità e nel gioco. La sensazione è che quel dominio possa continuare dunque. E se il gol decisivo è di Gonzalo Higuain – uno che già c’era, è andato via ed è tornato a segnare come prima – quella sensazione si fa più forte.

È una bella Juve quella che firma il primo ko dell’Inter di Antonio Conte in campionato e si riprende il primo posto in classifica: pochi calcoli, pressing a tutto campo, possesso e intensità anche a costo di prendere qualche rischio e di perdere qualche punto in solidità, ex marchio di fabbrica dell’era di Allegri: contro i nerazzurri va in scena il primo vero saggio di “Sarrismo” bianconero, contro una Inter buona, molto buona, ma che ha ancora da lavorare per mettersi alla pari di Bonucci e compagni.

Certo la gara dei bianconeri parte subito in discesa con Dybala (dentro un po’ a sorpresa a discapito di Higuain in formissima) che al 4′ si inventa un sinistro incredibile, con una traiettoria in diagonale che si infila sul secondo palo e potrebbe raddoppiare qualche minuto dopo con Cristiano Ronaldo che coglie in pieno la traversa. L’Inter però è brava a riorganizzarsi, a giocarsela, pur perdendo subito per infortunio il suo uomo chiave, Stefano Sensi, e a trovare il pari su rigore con Lautaro Martinez per un mani di De Ligt e poi a spaventare due volte i bianconeri con Lukaku e soprattutto con Vecino nel secondo tempo. Prima l’uruguagio colpisce il palo esterno pareggiando il conto con Ronaldo e poi tira dritto sul portiere la palla del possibile 2-2.

La Juve ai punti però è migliore e poter mandar dentro il Pipita di questi tempi vale il colpo del ko. Sconfitta pesante per l’Inter, visto che arriva subito dopo quello col Barcellona in Champions: una sorta di esame da grande fallito, ma per quanto fatto vedere in campo la sensazione è che il giudizio potrebbe cambiare presto. I bianconeri restano per il momento sì i più forti, ma l’Inter di Conte è comunque competitiva: per spirito, solidità e rosa i nerazzurri sembrano aver scalzato il Napoli almeno nel ruolo di principale antagonista di Sarri e dei suoi.

E se l’Inter può tranquillamente diventare l’anti-Juve c’è da chiedersi cosa potrebbe diventare la Juve: gli schemi, il pressing alto e il gioco di Sarri cominciano a venir fuori, i campioni ci sono, e quando sono imbronciati, tristi e solitari l’ex mister del Napoli li fa risplendere con uno schiocco di dita, vedi Higuain, Cuadrado che sembra giocare da terzino da una vita, Matuidi, e a San Siro pure Dybala. C’è materiale per fare molto, molto bene.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, l’Atalanta cala il tris nel nuovo stadio: Lecce ko. Pari (e rabbia) per la Roma. Bologna e Lazio gol e spettacolo. Napoli-Torino 0-0

next
Articolo Successivo

Serie A, l’incertezza dura solo due mesi: la Juve è ancora troppo superiore. Anche per l’Inter

next