Oggi si celebra la Giornata della memoria e dell’accoglienza, istituita con una legge dello Stato per ricordare le vittime del naufragio del 3 ottobre 2013 in cui 368 migranti annegarono a mezzo miglio dalle coste di Lampedusa, a un passo dalla salvezza dopo aver attraversato mezza Africa e il mar Mediterraneo.

Una strage che scosse le coscienze e suscitò un’ondata di emozione cosi forte che l’Italia (da sola, senza l’Unione europea né Frontex) varò la missione Mare Nostrum perché quella tragedia non si ripetesse e mise in moto un complicato meccanismo di ricerca e condivisione di informazioni provenienti dall’Africa per procedere al riconoscimento delle salme. Perché le madri e i padri avessero un corpo su cui piangere. Perché dei morti non rimanesse che quella manciata di numeri a cui oggi spesso politica e media riducono le migrazioni.

Una lezione in questo senso l’ha impartita pochi giorni fa Sergio Mattarella. “I ragazzi hanno diritto di sperare che i loro progetti migliori potranno realizzarsi. La scuola è il terreno dove coltivare questi progetti, e farli crescere – ha detto il 16 settembre inaugurando l’anno scolastico a L’Aquila – Il pensiero corre a quel ragazzino di 14 anni, che veniva dal Mali, che aveva attraversato il deserto ed è annegato in un naufragio nel Mediterraneo. Quando ne hanno ritrovato il corpo, si è scoperto che aveva cucito, nel vestito, la sua pagella. La proteggeva come la sua carta di identità, e la sua speranza”.

Voleva, il capo dello Stato, che la storia del ragazzino morto nel peschereccio affondato il 18 aprile 2015 – il più grande naufragio civile della storia del Mediterraneo dal dopoguerra con circa mille vittime – fosse da sprone per gli studenti che quel giorno lo ascoltavano per l’apertura dell’anno scolastico. Ma con il suo gesto è andato oltre, ha fatto una cosa che quasi nessuno fa, spesso neanche i giornalisti. Ha toccato la carne viva di un fenomeno – quello delle migrazioni – che nella maggior parte dei casi io e mi miei colleghi raccontiamo fermandoci alla superficie, fatta soltanto di cifre e statistiche.

“Quest’anno in Italia sono arrivate tot persone”. “Nei centri d’accoglienza italiani sono ospitati tot richiedenti asilo“. “Abbiamo ridotto gli sbarchi dell’80%”. “Con noi al governo non arriva più nessuno”, ripeteva il penultimo capo del Viminale che all’improvviso si è autosilurato dal governo (che poi, se si va davvero vedere le cifre si scopre era una bufala, perché tra il 5 giugno 2018 e il 9 agosto 2019 gli sbarchi non si sono mai fermati e l’ingente riduzione degli arrivi registrata negli ultimi due anni è da attribuire al patto con la Libia firmato dal governo di Paolo Gentiloni). E molti di noi a fare le addizioni con il pallottoliere e a proporre una narrazione degli sbarchi simile al conto che il fruttarolo (massimo rispetto per la categoria) fa al mercato segnando il costo di zucchine e melanzane su una busta di carta.

Il problema è che il modo di narrare cambia il modo di vedere la realtà e se si osservano le migrazioni solo attraverso gli occhiali kantiani dell’aritmetica pura si perde di vista l’umanità. I grandi numeri annacquano la percezione, al punto che un fenomeno così complesso e dalle ragioni profonde diventa un enorme minestrone in cui si mescolano dati puramente contabili (in molti casi farlocchi: ricordate la promessa di rimpatriare “600mila clandestini” sbandierata in campagna elettorale da quello di cui sopra e che al momento dei fatti, ovvero di procedere ai rimpatri, diventarono improvvisamente “90mila”?) che finiscono per coprire e nascondere le vite degli uomini che ne sono protagonisti. Perché l’utilizzo dei grandi numeri impedisce di vedere le persone, gli individui, e crea masse indistinte che non contengono anima, non provano dolore, non hanno figli, genitori, fratelli, sorelle, amori, sogni o aspirazioni. Tabelle in file Excel in cui la vita è cancellata.

Per questo sono importanti giornate come quella del 3 ottobre, perché servono per riprendere contatto con la realtà, provare ad ascoltare le storie di chi ha attraversato il mare, guardare gli occhi di chi ha perso un caro nella traversata e chiedere loro da dove vengono, quali sono stati i motivi che li hanno spinti a partire, quali sono le condizioni di vita nel loro paese, in quali termini pensano al loro futuro e provare, noi, a immaginare il potenziale che queste persone portano con sé. È l’unico modo per andare oltre la retorica dei numeri e acquisire gli elementi necessari a comprendere cosa spinge decine di migliaia di persone a prendere il mare ogni anno facendo finta di non aver paura della possibilità di annegare come topi nella stiva di un peschereccio.

Photo credits: Leonardo Brogioni
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ius culturae, per me una forma parziale di cittadinanza

prev
Articolo Successivo

Disabili, federazioni abbandonano il tavolo al Miur sull’inclusione scolastica: “Avevamo un incontro col ministro, ma se ne è andato”

next