Almeno un morto e 10 feriti in un aggressione che ha avuto luogo nel Savon Vocational College all’interno del centro commerciale Herman a Kuopio, città dell’est della Finlandia. L’uomo – che le forze dell’ordine riferiscono essere ‘nativo finlandese’ – è entrato nell’istituto tecnico e, una volta all’interno, ha sguainato una spada e cominciato a colpire gli studenti che erano all’interno. Con sé, oltre all’arma da taglio, aveva anche una pistola.

Stando alle prime informazioni, la polizia finlandese lo avrebbe fermato e, sui profili canali social, spiega che la situazione è ora sotto controllo specificando che almeno 2 dei feriti sono in condizioni giudicate gravi, uno dei quali è proprio l’aggressore, contro cui gli agenti hanno aperto il fuoco.

La scuola, sul suo sito, ha scritto: “Si è verificato un grave incidente nella nostra sede. Le autorità ed il Savon Vocational College forniranno informazioni non appena disponibili”. In un primo momento, i media locali avevano parlato di una sparatoria, ma i testimoni hanno smentito questa versione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, Roberto Fico attacca l’Egitto: “È un Paese che possiamo dichiarare non sicuro. Ma anche noi siamo responsabili”

next
Articolo Successivo

Austria, l’ex leader dell’ultradestra Strache annuncia l’addio alla politica dopo gli scandali: dall’Ibiza-gate alle spese pazze

next