Nuovi parchi giochi, orti didattici, progetti di sostenibilità, percorsi pedonali, giornate in cascina e inediti spazi verdi anche in carcere, a San Vittore. Parte a Milano la seconda edizione di Milano Green Week, la festa diffusa organizzata all’interno del palinsesto Yes Milano che dal 26 al 29 settembre prevede trecento tra iniziative, dibattiti, laboratori e inaugurazioni di nuove aree verdi da vivere in tutti i municipi della città. Si va dal taglio del nastro del nuovo parco giochi inclusivo in via Martinetti alla festa per l’avvio dei lavori del nuovo giardino condiviso realizzato con gli studenti in via della Rondine, fino alla piantumazione condivisa lungo le sponde del fiume Lambro. E ancora la rassegna Cascine Aperte, con trenta cascine tra Milano e Monza che aprono le porte al pubblico. Milano Green Week sposa la campagna Plastic Free promossa dal Comune: per la prima volta nel corso di alcuni eventi, saranno regalate ai partecipanti mille borracce.

IL 26 SETTEMBRE – Il 26 settembre, dalle 17 alle 19, l’appuntamento è nella nuova area fitness del Parco Sempione. Con l’equivalente delle bottiglie di PET raccolte durante la Milano Marathon e con l’attività di riciclo organizzata da Comune di Milano e Amsa, infatti, è stato creato uno spazio accessibile e modulabile sulle esigenze di ogni singolo cittadino. C’è una collaborazione tra pubblico e privato dietro l’introduzione di elementi innovativi all’interno delle singole stazioni del percorso, che permettono ai runners di vivere un’esperienza personalizzata e interattiva. La nuova area fitness rientra nel progetto ‘Cura e Adotta il Verde Pubblico’, che consente ad aziende e società di affiancare il Comune nella gestione del verde. È arrivata una nuova stagione, poi, per gli oltre 10mila metri quadrati del Parco Franco Russoli, in via Carlo Bo. Alle 16.30 è prevista l’inaugurazione dell’area verde riqualificata, adiacente alla sede milanese di Italgas.

IL 27 SETTEMBRE – Il progetto Clever Cities Milano partecipa attivamente alla Green Week con una serie di eventi che si terranno, dalle 9.15 alle 17 del 27 settembre, alla Fabbrica del Vapore. Nel corso dell’iniziativa ‘Soluzione Natura in città: nei cortili, sui tetti e sulle pareti’ saranno presentati esempi di tetti e pareti verdi già realizzati in diversi edifici del capoluogo lombardo, illustrandone benefici e le potenzialità. Dalle 10.30 alle 12.30, in via della Rondine (Lorenteggio), si inaugura l’inizio dei lavori del Giardino Condiviso, un progetto del Municipio 6 in collaborazione con alcune scuole del territorio, secondo un modello che a Milano conta già diverse esperienze positive. L’area, che fa parte del cosiddetto Parco Blu, è abbandonata da diverso tempo e nei prossimi anni sarà oggetto di riqualificazione. Il Municipio 6 regalerà a ogni studente una borraccia, come esempio di buona pratica di riutilizzo dei materiali e di eliminazione della plastica monouso. In occasione di Milano Green Week, verrà organizzato anche un suggestivo percorso a tappe per presentare l’avvio del progetto ‘Monte Stella: nascita di un modello condiviso’. Nel 2020 ricorrerà il 60° anniversario dalla realizzazione di Monte Stella, esempio di ‘verde urbano estensivo’ e precursore di quella che oggi viene definita ‘forestazione urbana’. Ora il parco diventa anche laboratorio di educazione ambientale e tutela dell’ecosistema urbano. L’appuntamento è dalle 17 alle 19. Alla Fondazione Riccardo Catella, invece, ai piedi del Bosco Verticale, ci sarà un momento di confronto tra esperienze innovative e consolidate che riguardano gli orti didattici nelle scuole milanesi.

IL 28 SETTEMBRE – Al Parco Lambro, in via Civitavecchia, dalle 9 alle 13, è in programma ‘Piantala! sul Lambro’, la piantumazione condivisa di 200 nuove piante lungo le sponde del fiume. Il progetto ReLambro (Rete ecologica Lambro) dal 2012 propone la rivitalizzazione del corridoio ecologico fluviale del Lambro. La natura entra anche in carcere, a San Vittore. Prosegue il percorso nato nell’ambito del progetto ‘Parole in circolo in città’ per ampliare e rendere più fruibili gli spazi verdi del carcere: il giardino condiviso all’inglese, il giardino all’italiana, quello multifunzionale per gli incontri, la ricreazione, persino lo sport e l’orto (visite guidate solo su invito). Dalle 11.30 alle 16.30 ci sarà l’inaugurazione della nuova area giochi inclusiva dei Giardini di Via Privata Piero Martinetti e dalle 14 alle 18.30 della nuova area giochi del giardino di via Fratelli Zoia, che nel 2018 ha restituito al quartiere un’area abbandonata da decenni. A Porto di Mare, nel Parco di Rogoredo, dalle 14.30 alle 17.30 visite guidate, bike test e pillole di mountain bike. A Giambellino, l’ex Casello ferroviario e l’area verde che lo circonda saranno restituiti alla cittadinanza. Un luogo che diventa strategico nell’ottica di riqualificazione degli Scali ferroviari già in atto da parte del Comune di Milano. La struttura e la sua area verranno inglobati, nei prossimi anni, in un progetto green che trasformerà tutta la tratta, dalla stazione di San Cristoforo a quella di Porta Genova.

IL 29 SETTEMBRE – Nella giornata conclusiva, dalle 14 alle 15, sono previste l’inaugurazione di 5 nuove aree verdi nelle zone Lampugnano/Musocco e la presentazione dell’innovativo progetto di riqualificazione dell’area cani di Piazzale Accursio. Un’operazione che per la prima volta vedrà l’installazione di abbeveratoi automatici per controllare lo spreco dell’acqua e l’implementazione di un sistema speciale di irrigazione interrato per garantire una cura totale del verde. Dalle 15 alle 18 sono previste inaugurazione e consegna dei nuovi orti urbani realizzati in via Lampugnano, tra i quartieri Gallaratese e Trenno. Quaranta particelle ortive dedicate esclusivamente a coltivazioni biologiche. Gli scarti della produzione verranno recuperati e trasformati in compost: ciò permetterà di ridurre il carico di spazzatura e, allo stesso tempo, genererà un ottimo fertilizzante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pesticidi, il piano d’azione nazionale è troppo vago. Siamo di fronte all’ennesimo libro dei sogni

next
Articolo Successivo

Indonesia, incendi provocano foschia tossica: un milione di persone con problemi respiratori

next