In passerella ha appeno finito di sfilare una collezione più grintosa e sexy che mai, quando si spengono le luci in sala e si sente Donatella Versace chiedere all’assistente vocale: “Google, puoi cercare ‘Versace Jungle Dress’?”. Subito sui muri vengono proiettate diverse immagini di abiti della stilista che però, non contenta incalza: “Google, adesso mi fai vedere il vero Versace Jungle Dress?“. Tra i presenti cresce la tensione: è chiaro a tutti che il momento è cruciale. Nessuno però può arrivare a immaginare quello che succede da lì a pochi istanti: uno schiocco di dita, i bassi che risuonano nelle casse e l’ingresso in passerella di Jennifer Lopez con una versione 2.0 dell’iconico jungle dress che indossò nel 2000 alla cerimonia dei Grammy Awards e rimasto nella memoria di tutti per la scollatura sotto l’ombelico.

JLo incede statuaria, con una falcata da vera diva e un fisico statuario nonostante i suoi 50 anni, come se fosse una moderna Madre Natura. In sala è tutto un coro di: “Ooh, woow”. L’effetto sorpresa è riuscito più che mai, la cantante sfila vicinissima alle persone sedute in prima fila che la osservano ipnotizzate mentre fa frusciare il magnifico abito in pura seta che indossa. Ma non è finita qui. C’è poi un secondo giro, questa volta mano nella mano con Donatella Versace. Chapeau.

Visualizza questo post su Instagram

I mean what can we really say about this… ICONIC, pretty much sums it up ???? #JenniferLopez closing #Versace

Un post condiviso da GRAZIA (@grazia) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marco Carta non si presenta alla prima udienza del processo per furto, gli avvocati: “Era agitato perché non ha mai visto un’aula di un tribunale”

next
Articolo Successivo

Harry e Meghan a Roma per il matrimonio di Misha Nonoo, l’amica in comune che li fece incontrare per la prima volta

next