Donald Trump sfida ancora le politiche ambientalistiche. Alla vigilia del summit sul clima della Nazioni Unite il presidente statunitense ha ordinato all’Epa, l’agenzia federale ambientale, di revocare quei poteri grazie ai quali la California può decidere autonomamente vincoli più severi per le emissioni delle automobili. Il motivo lo spiega via Twitter: “L’amministrazione Trump revoca l’esenzione federale della California sulle emissioni, al fine di produrre auto meno care per i consumatori e migliorare sensibilmente la sicurezza dei veicoli”, ha precisato Trump, iniziando così una guerra con le autorità dello Stato dell’ovest americano che ha tutte le carte in regola per diventare un caso da Corte suprema.

L’ordine impartito da Trump arriva nelle stesse ore in cui il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, a una settimana dal summit sul clima, ha lanciato l’allarme: “Il mondo sta perdendo la sfida per evitare il disastro climatico. Gli obiettivi di riduzione dei gas serra non sono ancora fuori portata, ma i governi devono muoversi più velocemente”. L’invito del segretario generale è quello di agire a “livello sub-nazionale“, attuando le promesse di riduzione delle emissioni di carbonio in Stati proprio come New York o la California.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Israele, a preoccupare Netanyahu non è solo l’esito delle urne: il 2 ottobre udienza preliminare per tre casi di corruzione

prev
Articolo Successivo

Canada, in una foto del 2001 il premier Trudeau a una festa con il viso dipinto di nero: “Non avrei dovuto farlo, mi scuso”

next