Per mesi ha rifiutato le bizzarre proposte di matrimonio che il suo fidanzato le faceva e poi ha organizzato la sua “vendetta”: gli ha detto che dovevano andare al matrimonio di un suo amico e si è fatta trovare all’altare in abito bianco, con tanto di celebrante pronto a officiare la cerimonia. È quanto successo a Bargoed, in Galles: Aleasha Pilaw, 36 anni, ha organizzato una proposta di matrimonio decisamente originale che si è trasformata poi in un vero e proprio matrimonio con il suo compagno, Paul Scoproni.

La donna ha raccontato la storia al Sun: “Paul mi chiedeva di continuo se volessi sposarlo. Lo faceva praticamente ogni settimana e nei modi più imbarazzanti. Ad esempio presentandosi vicino al posto dove lavoro con un cartellone gigante su cui aveva scritto “Vuoi sposarmi?”Allora ho deciso di metterlo io in una situazione del genere“, ha spiegato Aleasha. Così, ha chiesto al suo fidanzato di accompagnarla a un matrimonio, ma il giorno delle nozze dell'”amico” si è presentata in abito bianco, con celebrante al fianco e gli ha chiesto, davanti a tutti gli invitati, se voleva sposarlo.

Arrivato in chiesa, Paul è stato convinto a salire sull’altare come testimone e inizialmente non ha sospettato nulla. Solo quando è partita la canzone a cui lui e Aleasha sono molto legati e ha visto la fidanzata venirgli incontro in abito bianco ha capito tutto. “C’erano tutti i nostri amici e nessuno si era lasciato scappare niente. Anche il parroco era suo complice. Devo proprio ammetterlo, lei è stata incredibile nell’organizzare tutto questo in completo segreto”, ha raccontato il novello sposo precisando che la sua compagna era restia a sposarsi perché aveva alle spalle già due divorzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Per i medici era stitica, bimba di tre anni muore per un cancro raro: “Rimandata a casa 11 volte dall’ospedale”

prev
Articolo Successivo

Tesla con guida autonoma lanciata in autostrada a 90 km/h con guidatore e passeggero addormentati: il video

next