Mancata demolizione di opere abusive. Con questa accusa è stato sequestrato il teatro Ciak di Milano, in viale Puglie, in zona Corvetto. Gli agenti della Polizia locale e il personale della squadra di polizia giudiziaria del Dipartimento salute, ambiente e lavoro, coordinati dal pm Francesco De Tommasi, hanno apposto i sigilli ai tre cancelli d’ingresso e all’area del parco Alessandrini dove sorge la tensostruttura. Secondo l’ipotesi accusatoria, il Ciak è in via di demolizione per essere ricostruito, nonostante sia scaduta l’autorizzazione temporanea del Comune.

In sostanza, stando alla ricostruzione dei pm, il teatro, diventato una tensostruttura, avrebbe dovuto essere smantellata lo scorso dicembre. Il Comune però, per evitare di cancellare il programma e far andare in scena tutti gli spettacoli in cartellone, aveva concesso un’autorizzazione temporanea fino almeno alla fine dello scorso maggio.

Ora sono in corso i lavori di demolizione e ristrutturazione ma, da quanto è stato accertato, si starebbe ricostruendo una struttura simile senza, però, più la copertura dell’idonea autorizzazione e quindi tutto ciò sarebbe in contrasto con il testo unico dell’edilizia.

L’impianto sorge in viale Puglie dal 2013, dopo un breve periodo nell’area della Fabbrica del Vapore, e ha una capienza di 3.000 posti a sedere. Negli ultimi anni il teatro è stato la sede di alcuni live del talent show X Factor trasmesso da Sky. Fondato nel 1948, il Ciak è stato il palcoscenico di alcuni dei più importanti attori italiani, da Dario Fo e Franca Rame fino a Beppe Grillo e Franco Battiato. La storica sede di via Sangallo è stata abbandonata nel 2007 per il mancato rinnovo del contratto con la proprietà dello stabile in zona Città Studi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ciro Grillo, inquirenti ascolteranno amica vittima. Sequestrato cellulare nella villa di Bibbona

next
Articolo Successivo

Saronno, morti in corsia: concessi domiciliari a Cazzaniga. Ex vicepremiario imputato andrà casa dei genitori con il braccialetto elettronico

next