Manca davvero poco per il via del Madame X Tour, previsto il 17 settembre al BAM Howard Gilman Opera House a Brooklyn, New York. Si prevede una esperienza unica, dal momento che la diva del pop si esibirà nei teatri e proprio per questo non si potranno usare i cellulari. Una doccia fredda per tutti i fan di Madonna che hanno ricevuto a sorpresa una mail precisa e dettagliata da Ticketmaster, il sistema che gestisce i biglietti del tour. “Questo evento sarà un’esperienza phone free – recita un passo fondamentale della comunicazione – l’uso di dispositivi smart, telecamere e cellulari sarà totalmente proibito”.

Non ci sarà alcuna possibilità da parte dei “furbetti” di aggirare il divieto. Infatti i telefonini saranno riposti dentro custodie super sigillate, che saranno sbloccate una volta terminato lo show. Naturalmente i dispositivi dovranno essere spenti o in modalità silenzioso con vibrazione. Il divieto è stato accolto con malumore da parte di chi ha sborsato fino a 550 euro per un posto in platea. Non ci sarà alcun modo di riprendere la propria beniamina durante la sua performance. Ma c’è anche chi giustifica tutto in nome dell’arte. Non si può certo disturbare la popstar con flash improvvisi e inopportuni…

Il tour Madame X era già nato con qualche intoppo. La partenza è stata posticipata al 17 settembre, a causa di alcuni ritardi legati alla produzione. I primi due concerti, in programma alla BAM Howard Gilman Opera House di Brooklyn il 12 e 14 settembre, sono stati rinviati al 10 e 12 ottobre. La data del 15 settembre, invece, è stata del tutto cancellata. “Madame X è una perfezionista – riportava il comunicato – e vuole offrirvi l’esperienza musicale più unica e magica. Ha sottovalutato il tempo che ci sarebbe voluto per organizzare questa intima esperienza teatrale e vuole che sia perfetta”. E sarà talmente perfetta questa esperienza che non sarà disturbata da alcun dispositivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulia Calcaterra, l’ex velina in ospedale: “Ho un buco sul malleolo”

next
Articolo Successivo

Ruth Pfau, è dedicato alla ‘Madre Teresa del Pakistan’ il Google Doodle di oggi

next