“Vorrei delle tasse di scopo: per esempio sulle bibite gassate e sulle merendine o tasse sui voli aerei che inquinano“. Le proposte del neo ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti (intervistato da ilfattoquotidiano.it nel 2016 quando era ancora professore ordinario di Economia e Politica all’Università di Pretoria in Sudafrica) sono il primo tema diventato oggetto di discussione del nuovo governo, ancor prima del giuramento. “L’idea è: faccio un’attività che inquina (volare), ho un sistema di alimentazione sbagliato? Metto una piccola tassa e con questa finanzio attività utili, la scuola e stili di vita sani”, ha dichiarato Fioramonti giovedì al Corriere della Sera. Provvedimenti che, in realtà, esistono in molti paesi europei e non solo. Nel Regno Unito è già in vigore da anni la “tax on sugar” per ridurre l’obesità, mentre quella sulle bibite gassate è stata adottata da diverse città americane era stata anche stata proposta da Obama per finanziare la riforma sanitaria. La tassa sui voli è già stata introdotta in Francia e Svezia per incentivare all’uso di mezzi alternativi e meno inquinanti. E proprio nel Paese dell’attivista green Greta Thunberg – che ha raggiunto New York in barca a vela per non produrre emissioni – è nata anche una parola, flygskam, che indica la “vergogna” di spostarsi prendendo aerei.

Tassa su cibi e bevande zuccherate – In Italia la “sugar tax” era già stata votata dalla commissione Finanze per essere inserita nell’ultima legge di bilancio. Era destinata a coprire l’esclusione del regime Irap per le partite Iva fino a 100mila euro, ma la Lega si è opposta e alla fine è saltata. Ad averla riproposta però, per combattere obesità e diabete, sono stati 340 tra medici, pediatri e nutrizionisti, che hanno scritto a febbraio all’ex ministro della Sanità Giulia Grillo “per chiedere una tassa del 20% sulle bibite zuccherate da destinare a progetti di educazione alimentare. Ma finora – aveva detto Walter Ricciardi, presidente della Federazione Mondiale delle Associazioni di Salute Pubblica (Wfpha)- non ha avuto riscontro”. Sono tanti i Paesi nel mondo in cui è già realtà: dopo il report del 2015 nell’Organizzazione mondiale della sanità che dava conto degli effetti negativi degli zuccheri sulla salute, la “sugar tax” è stata introdotta in 20 paesi e oggi sono circa 35 gli stati o le città ad averla adottata.

In Europa, la pioniera è stata la Norvegia, che l’ha introdotta nel 1922 e ha deciso di aumentarla nel 2018 sia per i prodotti confezionati, sia per le bevande. In Ungheria è legge dal 2011, e ha fatto registrare una flessione media del 20% dei consumi di bevande zuccherate. La tassa presente anche in Gran Bretagna, Catalogna (Spagna), Francia, Irlanda, Belgio, Estonia, Portogallo e Finlandia. Il Giappone e lo Stato del Kerala in India hanno invece dato il via libera a una “fat tax” sui cibi che contengono una quantità eccessiva di grassi saturi. Una misura che in Danimarca – dove si applicava su burro, latte, formaggio, pizza, olio e carne – è stata abolita nel 2013 perché molto impopolare, così come quella sulle bibite zuccherate che era stata introdotta nel 1930. Guardando oltreoceano, negli Stati Uniti sono state Berkeley nel 2015 e Philadelphia nel 2017 le prime due città ad avere introdotto la “soda tax”, che colpisce le bevande zuccherate. Anche San Francisco, Oakland e Albany in California, Boulder in Colorado, Cook County in Illinois, Seattle nello Stato di Washington e Portland in Oregon l’hanno introdotta negli ultimi anni. Città dove la misura è spesso passata a larga maggioranza. Cosa che però non è successa a livello federale. Nel 2009 Obama aveva infatti tentato di introdurla per finanziare la riforma sanitaria, ma la proposta è stata affossata anche dalla pressante attività lobbistica portata avanti dalla coalizione “Americans Against Food Taxes”. Includeva produttori di soft drinks, fornitori e big della ristorazione come McDonald’s e Domino’s Pizza, oltre a una galassia di associazioni e gruppi di latini tra cui anche la National Hispanic Medical Association, di cui sono soci 36mila medici che si occupano di obesità e diabete. Tutti problemi che negli Stati Uniti riguardano milioni di latino-americani. Secondo gli anti “soda tax”, la tassa avrebbe ingiustamente colpito le fasce più povere della popolazione. Che, però, corrispondono a quelle con maggiori problemi di salute. Anche il Sudafrica e gli Emirati hanno introdotto tasse sui soft drinks, così come – tra gli altri – Filippine, Cile, Barbados e Tonga. L’ultima è stata ad agosto la Malesia, un paese dove l’obesità grava sul 19% della spesa sanitaria.

La tassa sui voli – A livello mediatico, a sensibilizzare negli ultimi mesi sull’impatto dei voli sull’ambiente è stata Greta Thunberg, che ha raggiunto su uno yacht a emissioni zero la costa atlantica per partecipare al summit dell’Onu sul clima il 23 settembre. Ma in Francia il tema dell’inquinamento dei voli e la relativa necessità di fare fronte ai cambiamenti climatici sono già stati tradotti in un’ecotassa. Introdotta a luglio, prevede che dal 2020 venga applicata a tutte le compagnie aeree. Si applica solo ai voli in partenza dalla Francia – ma non verso la Corsica, i territori francesi d’Oltremare e gli scali – e non a quelli in arrivo, sarà di 1,50 euro in classe economica per i voli interni ed europei e di 9 euro per i voli in business. Quanto ai collegamenti extra-Ue, saranno da pagare 3 euro in economica e 18 in business. Il governo prevede che l’applicazione della tassa possa tradursi nell’entrata di 182 milioni di euro nelle casse dello Stato già a partire dal 2020. Tutti da investire nella sostenibilità e in trasporti meno inquinanti.

Ma è la Svezia, paese di Greta, dove c’è avanzata e diffusa consapevolezza sui danni prodotti dalle emissioni del trasporto aereo. Oltre ad avere introdotto la relativa tassa nel 2018, che grava sulle compagnie ed è calcolata per numero di passeggeri, gli svedesi hanno addirittura inventato una parola ad hoc per definire la “vergogna di volare”. È flygskam, quell’imbarazzo misto a senso di colpa che si prova a prendere un aereo perché si è consapevoli dell’impatto ambientale delle proprie azioni. Un termine che sui social è stato accompagnato dall’hashtag #jagstannarpåmarken, traducibile con “resta a terra”. In un sondaggio fatto a giugno dalle ferrovie svedesi, il 37% degli intervistati ha dichiarato di scegliere il treno al posto dell’aereo. Una percentuale che ad autunno 2018 era del 26% e del 20 a inizio anno. Risposte che si riflettono anche sul volume di passeggeri nelle stazioni dei treni, che ha registrato un aumento dell’8% da gennaio ad aprile 2019 e del 12% nello stesso periodo per quanto riguarda i viaggi di lavoro. Da gennaio ad aprile, inoltre, il numero di passeggeri svedesi negli aeroporti è diminuito dell’8% e del 3% in tutto il 2018.

Twitter: ele9380

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Luigi Di Maio, primo messaggio da ministro degli Esteri: “Superare regolamento di Dublino, responsabilizzare l’Europa”

next
Articolo Successivo

Governo Conte 2, la scout cattolica che chiedeva di riconoscere le unioni gay: chi è Elena Bonetti, nuova ministra della Famiglia

next