Rincari in arrivo per chi deve prendere la patente di guida. Le lezioni di teoria e pratica non saranno più soggette al regime di esenzione Iva, per cui costeranno il 22% in più. E’ l’effetto di una risoluzione con cui l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che per la Corte di Giustizia dell’Ue le lezioni di scuola guida devono essere soggette all’imposta in quanto non rientrano nell’ambito scolastico. Sul piede di guerra le autoscuole di Confarca, che annunciano una mobilitazione e si dicono preoccupate della retroattività del provvedimento per le ultime cinque annualità fiscali: sono 3,8 milioni le patenti conseguite dal 2014 al 2018 e le autoscuole, non potendo imporre tasse ai loro ex allievi, dovranno provvedere, nello scenario peggiore, di tasca propria.

A giudizio della Confederazione Autoscuole Riunite e Consulenti Automobilistici, “si rischia di allontanare i giovani dalla possibilità di accedere a un corso di guida, minando seriamente tutti gli sforzi fatti fino ad oggi per la sicurezza stradale”: stando ai suoi calcoli fare la patente arriverà a costare 854 euro contro i 700 euro attuali. “Chiediamo fin da subito – ha detto il presidente Paolo Colangelo – che si trovi quanto prima un rimedio a questa risoluzione, che incide tra l’altro in maniera pesante su un settore già in piena difficoltà, sia per la crisi economica che per i disservizi che gli operatori sono costretti a fronteggiare sul territorio nazionale. Nel frattempo abbiamo chiesto alla categoria di rimanere compatta, e di muoversi con cautela per non incorrere in pesanti sanzioni“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, produzione industriale in calo oltre le previsioni: scende del -4,2 percento

next
Articolo Successivo

Kristalina Georgieva, dalla fila per il latte in Bulgaria ai vertici di Banca Mondiale e Ue. Chi è la candidata favorita alla direzione del Fmi

next